Info Utili

Che cos’è la guida preventiva? Definizione e usi

Si parla spesso di guida preventiva e guida difensiva: analizziamo insieme il termine "preventiva" e i comportamenti consigliati al volante

Credits: iStock

Abbiamo parlato di guida difensiva, quindi è giusto che approfondiamo anche il discorso che riguarda la guida preventiva.

Innanzitutto, sappiamo benissimo quanto sia importante guidare in modo consapevole, fondamentale per riuscire a circolare su strada in maniera più sicura e serena per sé stessi e per gli altri, riducendo il rischio di sinistri, più o meno pericolosi. È possibile però anche prevenire i rischi alla guida: ogni conducente, per farlo, dovrebbe rispettare costantemente e perennemente le basi della guida sicura, senza comportamenti disattenti e avventati, che sono tra le principali cause degli incidenti.

Guida sicura e guida difensiva: cosa dobbiamo sapere

Stare al volante della propria auto tenendo un comportamento che possiamo definire di “guida sicura” significa essere in grado di identificare i pericoli su strada e tenere sempre un’andatura e una velocità di percorrenza ottimali per evitare di essere a rischio incidente. Oltre a conoscere i cartelli stradali, i limiti di velocità e tutti i comportamenti che, per legge, bisogna tenere quando si conduce un mezzo, la guida sicura e difensiva consente anche di saper anticipare situazioni pericolose e prendere decisioni che variano a seconda delle condizioni stradali, al fine di evitare ogni possibile pericolo e rischio.

La guida sicura quindi aiuta ogni automobilista a mantenere il focus sulla sicurezza e guidare in modo consapevole, la guida difensiva invece ha un obiettivo simile, ma attenzione: non deve distorcere la percezione dell’ambiente che circonda il conducente. Approfondiamo il discorso.

Cosa vuol dire guida sicura

Cosa significa guidare in maniera sicura e quali sono i nostri consigli:

  • la distanza di sicurezza: fondamentale per evitare incidenti. Con una guida attenta basta anche un solo secondo per accorgersi del pericolo e frenare, senza causare danni. Ma visto che nessuno si trova mai in condizioni perfette alla guida, è meglio affidarsi alla regola dei 3 secondi, e mantenere una distanza dal veicolo che ci precede tale da evitare qualsiasi pericolo (o quasi): dal momento in cui il mezzo davanti a noi supera l’ostacolo a quando lo facciamo noi devono passare almeno 3 secondi;
  • osservare attentamente l’ambiente che ci circonda: bisogna essere consapevoli delle proprie azioni al volante, sempre e costantemente, ma anche di quello che succede attorno a noi. Bisogna essere sempre attenti al comportamento degli altri utenti della strada, per poter individuare potenziali pericoli e agire in tempo, per evitare incidenti;
  • attenzione ai limiti di velocità: non superare mai quelli imposti dalla legge, ma adattali anche in base alle condizioni di visibilità della strada e al meteo;
  • usare le frecce per segnalare una svolta o l’intenzione di cambiare corsia: è fondamentale che gli altri utenti della strada conoscano le tue intenzioni.

Guida preventiva: cosa significa

E quindi, con queste premesse: difendersi o prevenire? In italiano la guida difensiva dovrebbe indicare ogni atteggiamento tenuto al volante e volto a proteggersi “da possibili attacchi” (in questo caso pericoli su strada, incidenti). È difficile però usare questo termine per riferirsi al traffico, perché a volte si tende, in questo modo, a ritenere il guidatore sempre perfetto, privo di errori, ma costretto a difendersi da tutti gli altri utenti che circolano sulla stessa strada, certamente meno bravi e attenti.

Non è certo così, o meglio: è vero che dobbiamo essere sempre prudenti quando siamo alla guida, perché siamo costantemente a contatto con altri soggetti che, potenzialmente, potrebbero rappresentare un pericolo. È fondamentale però tenere sempre a mente che noi possiamo essere ritenuti quindi una eventuale fonte di pericolo/sinistro per gli altri utenti.

È per queste ragioni, non condivise da tutti, che forse è meglio parlare di guida preventiva e non difensiva (come invece avevamo già fatto): prevenire significa anticipare quello che succede, e non solo riferito alle azioni degli altri, ma anche a quelle che commettiamo noi al volante, distrazioni comprese (che possono essere molto pericolose).

Leggi l'articolo su Icon Wheels