Info Utili

Garanzia auto usata: quando è attiva e come funziona

La garanzia su un'auto acquistata è attiva anche per le vetture usate, è importante sapere quanto dura e cosa copre

Le norme relative alla garanzia di acquisto dei prodotti di consumo in Italia sono inserite all’interno del Codice del Consumo. Nonostante questo, ci sono ancora dei problemi segnalati, soprattutto per quanto riguarda le auto usate. Spesso è difficile infatti far valere la garanzia nel caso si presentino difetti dopo l’acquisto di questi beni. Il nostro consiglio è verificare lo stato dell’auto con cura prima di comprarla e rivolgersi al concessionario che ha venduto la vettura nel caso si presentino dei difetti di conformità: è infatti l’unico responsabile della garanzia.

Come funziona la garanzia legale per le auto usate

Anche per l’acquisto di prodotti usati viene applicata la garanzia legale prevista per la vendita di qualsiasi bene di consumo, in questo caso delle auto usate, acquistate presso i rivenditori di auto o le concessionarie. La Legge prevede, di norma, 2 anni di garanzia dal momento dell’acquisto, per contratto si può decidere anche per un periodo inferiore ma comunque non men di un anno. Il venditore potrebbe anche proporre un periodo più lungo di garanzia, anche se con minori coperture a partire dal secondo anno in poi, rispetto a quelle obbligatorie per Legge.

La garanzia è sempre dovuta, non vi si può rinunciare. Nel caso in cui il venditore preveda accordi diversi o limitazioni, questi sono da considerare nulli. Ricordate inoltre che la garanzia legale è gratuita, non è necessario pagare per poterne beneficiare. Una eventuale garanzia per auto usate ulteriore da parte del venditore può esistere, ma deve comunque ampliare eventualmente i diritti del consumatore previsti dalla garanzia legale, non è possibile in alcun modo limitarli. Nessuno è comunque obbligato ad accettare una garanzia ulteriore rispetto a quella prevista per Legge, soprattutto perché, nella maggior parte dei casi, bisogna pagare una sorta di premio al venditore.

Garanzia per le auto usate: alcuni approfondimenti

Una cosa importante da sapere è che, nei primi sei mesi dall’acquisto della vettura usata, il venditore, in caso di difetti, deve provare che non rientrano nella garanzia, se si tratta di danni causati dall’usura ordinaria dell’auto. Se l’auto usata è stata comprata da un privato, allora non ci si può appoggiare al Codice del Consumo, perché non riguarda la compravendita di vetture tra soggetti privati. Bisogna far valere le norme del Codice Civile, che sottolinea che l’auto non deve presentare vizi occulti e che il venditore non deve tacere eventuali circostanze che potrebbero pregiudicare l’acquisto della macchina usata da parte vostra.

In generazione quindi fate attenzione al concetto di usura del bene in relazione al tempo del pregresso utilizzo, l’auto non è nuova, non tutti i difetti o danni rientrano nella garanzia. Bisogna sempre tener conto della vita e del chilometraggio del mezzo. Se però il venditore pubblicizza l’usato garantito, il consumatore è portato a pensare che l’utilizzo del bene usato sia stato normale oppure che sia stata effettuata una recente revisione; nel caso in cui l’auto poi invece dovesse dare problemi e non essere conforme alle promesse del venditore, allora l’acquirente potrà rivendicare riparazioni o sostituzioni in garanzia e quindi gratuite.

Sarebbe buona norma farsi rilasciare dal venditore dell’usato garantito una dichiarazione che copra qualsiasi difetto futuro, durante il periodo della garanzia legale, indipendentemente da quanto e come è stato usato il veicolo in passato. Ogni difformità grave e la mancanza di qualità essenziale, conosciute dal rivenditore e taciute, danno il diritto alla sostituzione dell’auto o all’annullamento del contratto.