Info Utili

Documenti da tenere in auto: quali sono e perché portarli con sé

Quando si viaggia in auto, ci sono dei documenti che vanno sempre tenuti con sè per eventuali controlli da parte delle Forze dell'Ordine

Come ogni automobilista dovrebbe sapere, ci sono dei documenti che dobbiamo sempre tenere in auto con noi, senza dimenticarli mai a casa o altrove. Dovrebbero sempre essere tenuti in macchina, in modo da non avere alcun problema in qualsiasi eventuale controllo da parte della Polizia o dei Carabinieri.

A chi non è capitato di “andare nel pallone” e chiedersi immediatamente “ho tutti i documenti con me?” nel momento in cui un agente alza la paletta e ci ferma ad un posto di blocco? Può succedere infatti di non avere con sé la patente o il tagliando dell’assicurazione. Chi ha la patente da poco tempo o non è mai stato fermato dalla Polizia, poi, solitamente va nel panico e tira fuori dal bauletto portaoggetti qualsiasi cosa, anche i manuali d’uso del veicolo. Vediamo allora quali sono i documenti che è necessario avere sempre con sé, evitando così stress e ansie inutili.

Quali documenti personali deve avere il conducente del veicolo

Prima di tutto ci sono i documenti personali dell’utente che si trova alla guida, ognuno deve sempre avere con sé la patente e l’eventuale Certificato di Abilitazione Professionale, nel caso in cui si stia svolgendo quel tipo di lavoro. Tra questi ricordiamo ad esempio il certificato KB per condurre autoveicoli per il servizio pubblico di piazza o il noleggio con conducente o ancora il KA per motoveicoli. Se chi guida invece sta per conseguire la patente e deve dare l’esame, deve assolutamente portare sempre con sé il Foglio Rosa, usufruendo solo ed esclusivamente secondo le disposizioni prescritte dalla Legge. Una cosa fondamentale da ricordare, sembra banale, ma a volte qualcuno se ne dimentica: va bene avere con sé sempre la patente, ma controllate che non sia scaduta, altrimenti è necessario procedere immediatamente con il rinnovo della licenza di guida.

Quali documenti auto bisogna sempre avere con sé

I documenti invece relativi al veicolo che si guida, che vengono sempre controllati dagli agenti in caso di posto di blocco, e che quindi non devono mai mancare a bordo sono il certificato di assicurazione e il libretto di circolazione. Su quest’ultimo deve essere stato applicato il bollino di revisione (che non deve essere scaduta). Il contrassegno dell’Rc Auto può non essere più esposto al parabrezza, era obbligatorio fino al 2015.

Altri documenti utili in auto, anche se non obbligatori

Il Certificato di Proprietà dell’auto spesso viene confuso con il libretto dell’auto, ma non serve tenerlo in macchina. Certifica semplicemente che il mezzo è di proprietà dell’intestatario segnato sul documento stesso, ma si può tenere tranquillamente a casa. Anche il Modulo Blu per la constatazione amichevole non è obbligatorio, ma è fortemente averlo sempre con sé in macchina, accorcia infatti i tempi per il risarcimento in caso di incidente.

Chiariamo anche una cosa che riguarda il bollo auto, oggi la ricevuta di pagamento può anche essere conservata a casa, non è una tassa di circolazione e quindi non viene più richiesta durate i posti di blocco. Sono le Regioni a fare i controlli sul pagamento di questa tassa, e lo fanno per via telematica.

Da quest’anno, precisamente dal 6 marzo, è scattato l’obbligo di avere il dispositivo antiabbandono in auto per chi viaggia con bambini che hanno meno di 4 anni. Il sistema può essere integrato all’auto oppure nel seggiolino o esterno al seggiolino, vi sono differenti marchi che producono il dispositivo. La cosa importante è che sia regolare e per dimostrarlo ad un eventuale controllo è necessario esibire il Certificato di Conformità. Si tratta di un documento emesso dal produttore, che autocertifica che il suo sistema è in linea con i requisiti richiesti e stabiliti dal Ministero dei Trasporti. Non è obbligatorio tenerlo in macchina, ma si consiglia di averlo con sé per eventuali controlli da parte della Polizia.