Info Utili

Disco orario: quando si mette, che cos’è e cosa dice la Legge

Conosciamo tutti il disco orario, ognuno di noi ne ha uno in auto. A cosa serve e come funziona, cosa si rischia se non si utilizza

Il disco orario è uno degli elementi che devono sempre essere in auto e che viene regolamentato dal Codice della Strada all’articolo 157 (Arresto, fermata e sosta dei veicoli). Si tratta nello specifico di un dispositivo che serve per facilitare il controllo e la durata della sosta della macchina. Deve essere ben esposto e usato nei parcheggi in cui ne è segnalato l’obbligo.

Solitamente il disco orario è in dotazione su tutte le auto, è di colore blu in cartone plastificato e di forma rettangolare. Appare una sorta di “finestrella” dalla quale si può vedere l’orario, che si può fissare (durante la sosta) girando il dischetto bianco con scritti i numeri corrispondenti. In realtà ci sono anche altri tagli meno comuni di disco orario, alcuni vengono offerti dalla compagnia assicurativa del veicolo o dalla concessionaria che vende il mezzo. In ogni caso, è importante che siano conformi a quanto scritto sul Codice della Strada, il funzionamento è lo stesso.

Esposizione del disco orario in auto

Il disco orario, durante la sosta nei parcheggi in cui è obbligatorio, deve essere esposto in maniera ben visibile sul cruscotto, per agevolare il controllo e evitare sanzioni da parte della Polizia Municipale per averlo usato in maniera errata (o per non averlo esposto).

I parcheggi in cui è necessario usare il disco orario in genere sono quelli con le strisce blu o in cui è presente il segnale stradale a forma di rettangolo blu con una P bianca e una freccia bianca con i numeri in nero. Il segnale stradale segnala l’obbligo di esposizione del disco orario e per quanto tempo è consentita la sosta (tutti i giorni, in quelli feriali o festivi).

Come si usa il disco orario? Una volta parcheggiata la macchina, basta segnalare l’orario di arrivo sul disco (che corrisponde all’inizio della sosta) e posizionare il dispositivo in maniera ben visibile dall’esterno, sul cruscotto o sul parabrezza.

Disco orario e sanzioni per errato utilizzo

Per il mancato utilizzo del disco orario dove previsto si rischia una multa di 38 euro, lo stesso per il superamento dell’orario consentito. I veicoli al servizio di persone diversamente abili sono assoggettati a una normativa differente e non sono obbligati a rispettare il limite di tempo stabilito per la sosta.

Dove comprare il disco orario

È possibile trovarlo online o nei negozi di tabacchi, il prezzo è molto conveniente: costa da 3 a 5 euro al massimo. Come abbiamo già accennato a volte le compagnie assicurative, le concessionarie e i benzinai lo regalano come gadget.

Disco orario fai da te

Oltre a differenti tipologie di disco orario automatici e motorizzati, a cui bisogna fare attenzione (visto che qualche anno fa furono creati dei disco orario motorizzati per “ingannare” gli orari prestabiliti dalla segnaletica stradale e “truffare” la Polizia Municipale), si possono realizzare anche dei disco orario fai da te.

Ci sono persone che creano il loro disco orario personalizzato, a volte con dei cartoncini colorati, con l’aiuto dei propri bimbi. Si possono creare dei dispositivi con forme e colori particolari. Su internet esistono anche delle sagome e dei cartamodelli alternativi e molto utili per creare il proprio disco orario. Attenzione: è fondamentale che siano conformi alla normativa e che si possano utilizzare come la Legge prescrive, per la sosta in determinati parcheggi in cui sono obbligatori.