Info Utili

Qual è la differenza tra SUV e crossover?

Spesso utilizziamo le parole SUV e crossover come sinonimi; in realtà ci sono delle differenze nette tra queste due tipologie di vetture

I SUV e i crossover hanno delle differenze, magari sottili e non chiare a tutti, che però vanno ricordate. Innanzitutto SUV significa Sport Utility Vehicle e identifica una categoria di auto che è caratterizzata dall’assetto rialzato e in genere dalla trazione integrale.

Il termine crossover invece è usato in modo più generico e indica una particolare tipologia di auto che presenta una carrozzeria con differenti caratteristiche riprese da più tipi di carrozzerie.

Esiste anche il crossover SUV, che è una tipologia di auto ben precisa, ovvero una vettura con carrozzeria station wagon, ma anche alcune caratteristiche estetiche tipiche di un SUV. La parola crossover deriva dal termine inglese ‘cross over’ che significa ‘accavallare’ e indica appunto questa categoria di vetture che si trovano, per tipologia di carrozzeria, a cavallo tra una particolare classe di auto e un’altra.

Quali sono le caratteristiche tipiche di un SUV

Il SUV è un’auto che in genere ha l’aspetto esteriore simile a quello di una station wagon e una monovolume, ma anche alcune caratteristiche tipiche dei fuoristrada, come per esempio la trazione integrale e l’altezza da terra più elevata. Il termine inglese SUV identifica in realtà i fuoristrada in generale, in Italia invece generalmente si fa una differenza marcata tra le due categorie di auto. Per capire se un’auto è un SUV o un vero e proprio fuoristrada, visto che non è sempre facile, si utilizza una regola generale, ovvero la ricerca della presenza del riduttore, di angoli favorevoli e sistemi di blocco dei differenziali per i fuoristrada, componenti che invece di solito non sono presenti sulle auto che definiamo SUV.

Ma il telaio è senza dubbio uno degli elementi che fa la differenza tra SUV e fuoristrada: i primi usano infatti una scocca portante, i fuoristrada nascono su un telaio a longheroni. C’è da dire che alcuni SUV sono dotati di marce ridotte, ma non vengono considerati dei fuoristrada, e anche che dei mezzi con scocca portante sono considerati invece fuoristrada.

Quali sono le caratteristiche tipiche di un crossover

L’auto definita crossover viene considerata il compromesso ideale per guidare ovunque. Queste auto sono dotate di un assetto rialzato e hanno dimensioni più contenute rispetto ai SUV. Si tratta infatti, come abbiamo detto in apertura, di veicoli che possiamo considerare a metà tra una station wagon e uno Sport Utility Wagon. Sia le misure che il peso sono molti ridotti nei crossover rispetto ai SUV, questo permette ai crossover di montare anche motori meno potenti ma di ottenere comunque ottime performance e soprattutto una guidabilità maggiore rispetto ai SUV. I crossover sono auto con una robustezza chiaramente superiore alla media, in grado di garantire un buon livello di sicurezza.

Le differenze principali tra SUV e crossover

La maneggevolezza è senza dubbio un elemento che fa la differenza, molto superiore nel caso dei crossover, che sono più piccoli, presentano quindi un minore ingombro in termini di lunghezza e altezza, un peso inferiore, tutte caratteristiche che consentono di guidare e parcheggiare l’auto stessa in maniera più facile, anche in città.

Altra peculiarità dei SUV è che il motore e il cambio, in genere, vengono disposti in maniera perpendicolare prima dell’asse posteriore della macchina; da questo deriva la maggiore pesantezza della parte anteriore dell’auto. Come abbiamo visto, una caratteristica tipica dei crossover è l’incrocio tra più tipologie di auto e carrozzerie, che porta a un risultato complessivamente migliore in termini di versatilità. Attenzione: alcuni modelli di auto possono essere definiti SUV o crossover in base alle decisioni prese dalla Casa per quanto riguarda il motore e l’allestimento degli interni.