Info Utili

Cosa sono le gomme chiodate e cosa dice la legge al riguardo?

La legge italiana consente l'utilizzo delle gomme chiodate su strada: ci sono regole e limiti che devono essere rispettati

Parliamo di gomme, un argomento su cui più volte abbiamo posto l’attenzione, a cui la legge italiana dedica molte regole da rispettare per la propria sicurezza in auto, punendo con multe e altre sanzioni chi non rispetta il Codice della Strada. Una delle prime cose da sapere è la stagionalità degli pneumatici auto: durante la stagione fredda infatti vanno utilizzate le gomme invernali, oppure le All Season con marcatura M+S o ancora è possibile viaggiare con pneumatici estivi, ma portando sempre con sé le catene da bordo o altri dispositivi simili (è un obbligo di legge).

Le gomme invernali o le catene infatti sono indispensabili per potersi muovere sulle strade ricoperte di neve e/o ghiaccio, fenomeno più frequente in alcune zone specifiche e che si ritrova sulle strade di montagna. È possibile anche avere l’esigenza di montare sulla propria macchina delle gomme chiodate, sempre in caso di ghiaccio o neve. L’unico problema è capire che cosa dice la legge a riguardo, quindi se si possono usare questi particolari pneumatici e a cosa bisogna fare eventualmente attenzione. Vediamo quindi che cosa prescrive il Codice della Strada in merito alle gomme chiodate e come comportarsi per evitare problemi e multe.

Gomme chiodate: cosa dice la legge italiana

La circolare 58/71 del 22 ottobre 1971 del Ministero dei Trasporti è la normativa a cui fare riferimento se si vuole sapere se, quando e come è possibile usare le gomme chiodate sulla propria auto. Si tratta in effetti di una legge ormai datata, di oltre 50 anni fa, che però non è ancora stata superata e mai abrogata.

Sin dal 1966, in Italia, sono definite le caratteristiche che devono avere le gomme chiodate, dispositivi utili per guidare sulla neve e sul ghiaccio. Vediamole insieme:

  • prima di tutto i chiodi devono essere tra 80 e 160 in tutto per ogni pneumatico;
  • la sporgenza dei chiodi non può superare 1,5 mm;
  • e le auto con ruote chiodate hanno delle condizioni specifiche da rispettare.

Quali sono queste condizioni:

  • il peso complessivo deve essere inferiore a 35 quintali;
  • è obbligatorio viaggiare ad una velocità massima di 90 km/h, in autostrada 120 km/h;
  • tutt’e 4 le ruote devono essere chiodate;
  • dietro alle ruote posteriori devono essere montate le bavette paraspruzzi;
  • si possono usare dal 15 novembre al 15 marzo.

Riassumendo: è assolutamente legale usare le gomme chiodate in Italia, devono essere montate correttamente e attenzione all’omologazione e alle regole sopraelencate.

A proposito di omologazione

Gli pneumatici chiodati sono legali in Italia, come già detto, ma devono essere assolutamente omologati (come anche le normali gomme per auto – estive, invernali, All Season). Questo significa che possono essere usati solo pneumatici chiodati che rispettano le caratteristiche descritte all’interno del Codice della Strada.

Le sanzioni previste per chi viaggia con pneumatici chiodati non omologati

Se si usano gomme chiodate che non rispettano la legge, allora si violano gli articoli 72 e/o 78 del Codice della Strada, e le sanzioni previste comportano una multa che va da un minimo di 87 a un massimo di 431 euro. Non è tutto, perché potrebbe anche essere rilevata l’infrazione dell’articolo 15, nel caso in cui il veicolo con pneumatici chiodati danneggia la strada o crea un pericolo per la circolazione. In questi casi è prevista una multa di 26 o 42 euro. Infine, se le gomme chiodate emettono un rumore troppo forte, non rispettando quanto previsto dall’155 del Codice della Strada, allora si rischia una multa di 42 euro.