Info Utili

Che cosa sono e a cosa servono le auto demo?

Le auto dimostrative sono quelle che le concessionarie usano per fare test di prova e per l'esposizione in showroom: quando conviene acquistarle

Credits: iStock

Le auto demo sono le cosiddette dimostrative, e sono quei veicoli che troviamo in tutte le concessionarie e che possono essere comprate beneficiando di importanti vantaggi. Vediamo di che cosa si tratta, quanto si risparmia e perché e a cosa fare attenzione.

Il significato di auto demo

Si tratta di macchine che vengono usate dalla concessionaria a scopo espositivo e per fare i test drive con i clienti, che possono così prendere una decisione finale sull’acquisto. In particolare, il venditore immatricola le sue auto dimostrative a proprio nome, le mette a disposizione dei clienti per la prova su strada, per l’esposizione, per salirci e visualizzare l’abitacolo e testare le funzionalità. Dopo circa 6-12 mesi decide di rivenderle, per questo spesso vengono chiamate anche vetture semestrali.

Il chilometraggio delle auto demo in genere è molto basso, non quanto le auto km 0, ma comunque non elevato. E il prezzo di vendita in genere è molto vantaggioso rispetto al nuovo, pur essendo state usate comunque pochissimo e solo a scopo dimostrativo.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi

Il primo vantaggio è il prezzo che, come abbiamo detto, è senza dubbio inferiore a quello dell’auto nuova. Di solito è più basso del 10-15% circa, ma a volte lo “sconto” rispetto al listino può essere maggiore. Solitamente si tratta di macchine che, essendo in esposizione per convincere i clienti all’acquisto, sono equipaggiate con il top di gamma.

Le auto demo godono della garanzia di fabbrica del costruttore che generalmente è di 24 mesi.

Essendo usate per prove su strada, è chiaro che alcuni componenti possono risultare usurati, come:

  • le gomme;
  • il motore;
  • la frizione;
  • i freni;
  • gli ammortizzatori.

Possono presentare dei piccoli difetti all’interno oppure sulla carrozzeria, essendo state per lungo tempo esposte e anche usate per i test drive.

Un altro svantaggio da tenere presente? Essendo auto già immatricolate dal concessionario, il valore in caso di rivendita successiva ovviamente è più basso, perché hanno avuto più di un proprietario.

A cosa fare attenzione prima di comprare un’auto demo

Elenchiamo alcune raccomandazioni da considerare prima dell’acquisto. innanzitutto, prima di decidere cosa fare, è necessario controllare sempre le condizioni del veicolo e fare un giro di prova il più lungo possibile. Mentre si è alla guida, verificare che la macchina non emetta rumori strani, soprattutto in curva e nelle fasi di accelerazione e frenata. Un occhio alle luci, al climatizzatore e all’impianto audio, per accertarsi che tutti funzioni alla perfezione.

Questo è l’unico modo per essere certi di comprare una vettura per cui vale la pena e quindi per assicurarsi inoltre che i soldi che si risparmiano comprando una vettura dimostrativa non debbano poi essere spesi per sistemare danni e per altri interventi di riparazione non considerati al momento dell’acquisto. La garanzia della Casa madre è valida, ma è comunque fondamentale fare attenzione alle parti soggette a usura che potrebbero essere scoperte dalla garanzia, come il funzionamento della frizione o dell’impianto frenante.

Quando conviene comprare un’auto demo

Non possiamo dare una risposta univoca, ovviamente la convenienza è relativa. Vale sempre la pena cercare e acquistare un’auto demo perché si risparmia, chiaramente deve essere ​​in buone condizioni e il trattamento riservato dal concessionario deve essere conveniente. Se lo sconto però non è molto alto, è meglio scegliere un’auto a km 0, che ha sicuramente un’usura minore, avendo percorso molti meno chilometri.

Leggi l'articolo su Icon Wheels