Info Utili

Che cosa sono e a chi servono gli pneumatici MOE?

Le gomme MOE sono una particolare categoria di pneumatici con caratteristiche speciali: di che cosa si tratta e quando vengono usate


MOE significa Mercedes Original Extended, quindi le gomme che sono contrassegnate con questa dicitura sono sostanzialmente realizzate per un costruttore specifico, Mercedes-Benz appunto. La scritta viene inserita sul fianco dello pneumatico e serve per identificare le coperture realizzate per rispettare determinate indicazioni della società di Stoccarda, dotate di tecnologia runflat, il sistema che consente all’auto di proseguire nella circolazione nonostante la gomma sia forata.

I runflat standard e gli pneumatici MOE sono però differenti, la tecnologia anti-foratura nelle gomme Mercedes infatti è stata implementata per assicurare il massimo livello di comfort alla guida anche con una ruota sgonfia. I veicoli che montano gomme MOE non sono in grado di circolare oltre un limite con carichi pesanti.

Pneumatici MOE: particolare uso della tecnologia runflat

Rispetto alle gomme runflat tradizionali, possiamo dire che quelle MOE sono una versione più ‘soft’ della stessa tipologia di pneumatici. Ma che cosa significa? Le gomme MOE hanno dei limiti di carico differente, che quindi non permettono di raggiungere le stesse performance dei tradizionali pneumatici anti-foratura con tecnologia certificata.

Ad ogni pneumatico runflat corrisponde infatti una certificazione “ISO Runflat”, che serve per dimostrare e certificare che le vetture con queste gomme possono circolare anche in caso di foratura fino a 80 km/h di velocità massima, per 80 chilometri al massimo (con qualsiasi tipologia e peso di carico trasportato). La grande differenza con gli pneumatici MOE è che questi ultimi hanno gli stessi standard di velocità e percorrenza dei runflat, ma la percorrenza diminuisce arrivando a soli 30 chilometri in caso di carico pesante (la certificazione ISO Runflat infatti non viene data alle gomme MOE).

Su quali auto vengono montate le gomme MOE

Chiaramente questa tipologia di pneumatici viene montata sulle auto della Casa Mercedes, sono le gomme installate come primo equipaggiamento. Questa sigla quindi non si trova sulle gomme di vetture prodotte da altri costruttori, che indicano invece la tecnologia runflat con altre sigle. Per questo motivi gli acronimi che possiamo trovare oggi sulle coperture delle auto sono diventati moltissimi.

Da oggi e per il futuro, gli pneumatici saranno sempre più realizzati su misura in base al produttore ma anche del veicolo, per poterne esaltare le caratteristiche al massimo. Bisogna essere quindi molto attenti nella lettura e nella comprensione del significato delle varie sigle che troviamo sul fianco di una gomma, per poterne ricavare più informazioni possibili sulle loro caratteristiche e su dati che servono poi al momento del cambio gomme, per scegliere la copertura migliore.

Pneumatici MOE, altre sigle importanti

Oltre alla scritta MOE, sulle spalle della gomma possono esserci altri acronimi e diciture particolari. Sugli pneumatici Continental, per esempio, si può leggere la scritta SSR, che indica che la gomma è runflat, e quindi dotata di tecnologia anti-foratura. Le tre iniziali stanno ad indicare infatti “Self Supporting Runflat”. Sono pneumatici che rendono possibile proseguire con la circolazione anche in caso di foratura, nei limiti previsti. Se oltre alla dicitura SSR sulle gomme compare anche MOE (chiaramente sui veicoli del marchio Mercedes) allora bisogna tenere presente che il limite massimo di percorrenza diminuisce, da 80 chilometri a 30, invece la velocità massima rimane di 80 km/h. I limiti decisi dal costruttore servono unicamente per tutelare la sicurezza del guidatore e dei passeggeri, e devono essere rispettati. A seconda dell’azienda produttrice degli pneumatici, possono comparire altre sigle identificatrici delle gomme runflat, oltre a SSR e MOE, ci sono KARS, ROF, RFT, ZPT, EMT, RCS.