Info Utili

A che cosa servono e come si montano i bulloni antifurto per le ruote?

I bulloni antifurto sono dei semplici ma particolari elementi che servono chiaramente per scoraggiare i ladri e i furfanti: come si usano

Oltre ai ladri di auto, purtroppo ci sono anche i furfanti che preferiscono gli pneumatici. Ebbene sì, quando la macchina intera è troppo difficile da rubare, i malviventi puntano sulle gomme, sicuramente più facili ancora da piazzare e oltretutto spesso dotate di cerchi in lega che hanno un buon valore di mercato. Per far fronte a questo problema, da anni in commercio esistono i bulloni antifurto per le gomme dell’auto. Vediamo di che cosa si tratta e come funzionano nello specifico, sono infatti un ottimo strumento per scoraggiare i ladri, soprattutto quelli meno esperti e quelli che non hanno il tempo di attrezzarsi di chiavi specifiche e altri strumenti utili al furto.

Che cosa sono i bulloni antifurto per auto

Si tratta di una particolare categoria di bulloni nata in realtà in via sperimentale già circa 20 anni fa. Oggi fanno addirittura parte della dotazione di serie di alcune auto, sin dal momento in cui escono dalla Casa produttrice. Da tempo ormai i bulloni antifurto sono conosciuti nel settore e la loro efficacia è confermata. Ma come funzionano? In maniera molto semplice, ogni set di bulloni possiede infatti una sorta di serratura, possiamo definirla così. Significa che non possono essere smontati con le classiche chiavi che possediamo nella nostra cassetta degli attrezzi, ma solo ed esclusivamente con una chiave ben precisa per ogni set di bulloni antifurto, venduta in abbinamento (raccomandiamo quindi di conservare la suddetta chiave con estrema cura, altrimenti smontare le ruote in caso di necessità diventa un problema).

Ogni volta che uno dei bulloni del set antifurto viene chiuso e stretto nella sua collocazione, serve la chiave specifica del produttore per poterlo riaprire e rimuovere. La testa di questi bulloni è riconoscibile perché ha una misura oltre la norma e gli standard delle tradizionali chiavi che conosciamo. Questo per rendere lo smontaggio dei bulloni, e quindi della ruota, molto meno agevole e semplice. Come abbiamo detto, alcune Case automobilistiche oggi (non sono molte) dotano le loro vetture dei bulloni antifurto ancor prima della vendita. C’è da dire comunque che anche i migliori set aftermarket in realtà hanno un costo accessibile a tutti, che va da un minimo di 20 a un massimo di 60 euro circa.

Come montare i bulloni antifurto sulle gomme della propria auto

Si tratta di ‘normali’ set di bulloni, che funzionano proprio come quelli tradizionali a cui siamo abituati. Una volta che si è quindi pronti a cambiare le gomme oppure semplicemente a installare questi nuovi bulloni per proteggere l’auto dai furti di gomme, basta togliere i bulloni tradizionali e inserire al loro posto quelli antifurto, che chiaramente devono essere maneggiati e stretti con la loro chiave specifica, ogni altro tentativo è vano.

Pare che questo sistema sia molto utile per scoraggiare i malviventi intenzionati al furto degli pneumatici, un po’ come accade per i sistemi di antifurto al volante, che riescono ad allontanare i topi d’auto che cercano di colpire, soprattutto quando trovano vetture interessanti parcheggiate in aree isolate o non molto illuminate.

Se il bullone è a vista, il ladro si accorge immediatamente che è impossibile andare a rimuoverlo (o comunque il lavoro diventa complesso) e quindi spesso lascia perdere a priori. Attenzione: quando dovete fare il cambio gomme, ricordate di lasciare la chiave specifica al gommista, che altrimenti dovrà forzare sui bulloni, con il rischio di danneggiarli.