Info Utili

A cosa serve il cavalletto posteriore e anteriore della moto

Il cavalletto posteriore e anteriore della moto è uno strumento indispensabile per sollevare il veicolo e intervenire con lavori di manutenzione

Il cavalletto posteriore e anteriore moto è un supporto metallico che viene chiamato anche alzamoto e che serve appunto per sostenere la due ruote e mantenerla nella posizione perpendicolare rispetto al terreno. È fondamentale per le moto che non hanno un cavalletto o hanno solo la stampella a lato. Molto utile comunque per riuscire a tenere la moto con le ruote distaccate dal suolo.

Si tratta dello strumento più utile, anzi fondamentale, per poter lavorare sul veicolo con interventi di manutenzione alle parti basse, in modo sicuro e comodo. Può essere usato anche per lasciare la moto in garage nei lunghi periodi di fermo, che generalmente corrispondono all’intera stagione invernale, in modo da evitare che le gomme si deformino a causa dell’azione del peso del mezzo sul pavimento.

Come è fatto un cavalletto moto posteriore e anteriore

Questa tipologia di cavalletti o alzamoto ha caratteristiche ben definite:

  • posteriore, chiaramente solleva la ruota dietro dal suolo. In commercio ci sono due varianti differenti: una per forcelloni monobraccio e una per forcelloni bibraccio; quest’ultimo modello si divide in altre due tipologie, ovvero i cavalletti con attacco a forchetta e quelli con attacco universale. Solitamente entrambi si possono regolare in larghezza. Questo tipo di alzamoto è utilissimo per ingrassaggio, regolazione e sostituzione degli organi di trasmissione, per operazioni di cambio gomma posteriore, lavori ai dischi e agli organi di scorrimento e di trasmissione;
  • anteriore, solleva la ruota davanti e si divide in due tipi: sottocanotto (l’unico che si può regolare in altezza) e sottoforcella. Viene usato ovviamente quando bisogna cambiare la ruota anteriore, i dischi e gli organi di scorrimento. Il cavalletto anteriore sottocanotto può essere utile anche per la revisione, la sostituzione o la rimozione degli steli forcella.

Ci sono altre categorie particolari di cavalletti per moto:

  • quelli per le moto enduro, supermotard e cross, che sostengono la due ruote da sotto il telaio o sotto il motore e la sollevano attraverso dei leveraggi che si possono azionare con una leva apposita. In genere hanno una portata massima di 180 kg. Si usano quando si ha bisogno di alzare la moto per il cambio della ruota anteriore e/o posteriore, dei dischi e degli organi di scorrimento, ma anche per sostituzione, ingrassaggio, regolazione degli organi di trasmissione e per rimuovere forcella, forcellone e monoammortizzatore;
  • cavalletto moto centrale a perno passante, un altro alzamoto particolare, che permette di sollevare l’avantreno, il retrotreno o entrambi usando un supporto di piccole dimensioni, che deve essere posizionato sotto il basamento. Viene usato in genere per gli stessi scopi del cavalletto moto enduro.

Tutti i cavalletti comunque sono molto utili per operazioni di manutenzione del veicolo, tra cui lavaggio, rabbocco o cambio olio e altri liquidi.

Di che materiale sono i cavalletti alzamoto?

In genere vengono realizzati in titanio, alluminio o acciaio. Gli ultimi due sono quelli più facilmente reperibili sul mercato, quelli in titanio infatti sono più robusti ma anche molto cari, e di solito si trovano solo nei migliori negozi specializzati. I cavalletti posteriore anteriore moto in acciaio hanno una struttura tubolare, quelli in alluminio invece mista in tubi a sezione tonda, quadrata o rettangolare e elementi tagliati a laser (sono più leggeri ma ugualmente robusti e resistenti).

Quando costa un cavalletto moto posteriore e anteriore

I prezzi sono differenti a seconda dei modelli. In genere partono da 30 euro circa (alzamoto base), per arrivare ad alcune centinaia di euro (modelli in titanio). Non è indispensabile andare alla ricerca dei cavalletti moto più cari, ma bisogna comunque spendere una buona somma, per un prodotto che garantisce la sicurezza della moto e di chi ci mette mano. A nostro parere bisognerebbe spendere tra i 120 e i 180 euro per il cavalletto anteriore e posteriore (la coppia).

tag
moto