Info Utili

Cosa si rischia se si guida con un’automobile incidentata

Non sempre è rischioso guidare con l'auto incidentata, ci sono però dei casi in cui il Codice della Strada lo vieta, pena una multa salata

Non è sempre possibile circolare con una vettura incidentata, è necessario fare riferimento ad alcuni aspetti precisi, che sono indicati all’interno del Codice della Strada. Ci sono infatti degli elementi che non possono assolutamente mancare e che devono essere perfettamente funzionanti.

Quando può circolare l’auto incidentata

La prima cosa da sapere è che una vettura che ha subito un sinistro può continuare a circolare solo ed esclusivamente se i danni non comportano nessun problema per la sicurezza e per l’inquinamento acustico. Chi non rispetta questa norma indicata nel Codice della Strada rischia una multa molto cara.

Ci sono delle differenze poi che ovviamente dipendono dall’entità dell’incidente, un conto è un lieve tamponamento che non ha provocato dei danni gravi alle componenti meccaniche dell’auto, un altro discorso invece è un frontale fatto contro un altro veicolo o ostacolo, che compromette il corretto funzionamento del mezzo.

A che cosa bisogna prestare attenzione

Innanzitutto è fondamentale stare attenti all’aspetto assicurativo: in caso di attivazione della RC Auto infatti il perito viene chiamato per rilevare i danni e le dinamiche, tutto quel che serve per il calcolo del risarcimento. E poi è fondamentale non trascurare le reali condizioni del mezzo.

Auto incidentate: che cosa dice la legge in merito alla circolazione su strada

Non si può dare una risposta univoca: non sempre è possibile continuare a circolare col proprio veicolo dopo un incidente, ma in alcuni casi si. Molto dipende dalla gravità del sinistro e dai danni provocati all’auto stessa. È fondamentale fare riferimento innanzitutto alle condizioni di sicurezza, ma anche all’inquinamento acustico. È il Codice della Strada a spiegare gli aspetti importanti da prendere in considerazione in questi casi.

Più nel dettaglio infatti l’articolo 79 dice che “i veicoli a motore e i loro rimorchi durante la circolazione devono essere tenuti in condizioni di massima efficienza, comunque tale da garantire la sicurezza e da contenere il rumore e l’inquinamento”. Se il motore dell’auto rimane comunque efficiente in termini di prestazioni, ma emette rumori molesti e fastidiosi per la quiete urbana, allora scatta il divieto di circolazione (questo è solo un esempio, che spesso viene sottovalutato).

Altri danni – in questo caso fisici – che non consentono all’auto di circolare su strada sono, per esempio, il paraurti non ben collegato, elementi danneggiati e instabili che entrano in contatto e urtano contro la carrozzeria, provocando fastidiosi rumori. Chiaramente l’auto, per poter circolare, deve essere efficiente dal punto di vista delle sue caratteristiche funzionali e i dispositivi di equipaggiamento e sicurezza devono rispondere perfettamente ai bisogni.

Attenzione alle condizioni delle gomme, del sistema frenante, dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione, alla rumorosità e al livello di emissioni inquinanti.

Circolazione con auto incidentata: a quanto ammonta la multa

Come sappiamo, ogni regola dettata dal Codice della Strada chiaramente provoca una sanzione nei confronti del trasgressore. Ed è quello che avviene anche in questo caso. È sempre l’articolo 79 del Codice della Strada a prevedere che i soggetti che circolano con un’auto che presenta dei danni e delle alterazioni nelle caratteristiche costruttive e funzionali a causa di un sinistro stradale (ma non solo), rischiano una multa che va da un minimo di 84 a un massimo di 335 euro. Se la vettura viene usata in competizioni, allora l’importo della multa schizza alle stelle: da 1.174 a 11.741 euro.