Info Utili

Cosa fare se c’è dell’olio nella vaschetta dell’acqua

Che cosa bisogna fare se dell'olio finisce all'interno della vaschetta dell'acqua nel motore dell'auto? Cosa devi sapere

Può succedere che dell’olio sia presente nella vaschetta dell’acqua del radiatore, e questa è una problematica legata allo spiacevole inconveniente della guarnizione della testata del motore bruciata. Si tratta tra l’altro di un guasto molto più comune di quanto possiamo pensare, sono molti gli automobilisti a richiedere aiuto in situazioni simili.

Bisogna fare attenzione a questo inconveniente: trovare la presenza di olio all’interno dell’acqua di raffreddamento del veicolo infatti non è mai buona cosa. Non basta constatare che il veicolo continui a funzionare e quindi procedere nella guidare senza farlo controllare da un professionista. L’olio non dovrebbe assolutamente mai arrivare nel radiatore, vediamo di scoprire e capire meglio il motivo.

Presenza di olio nella vaschetta dell’acqua: i motivi

Sulle auto con radiatore olio è possibile trovare la vaschetta dell’acqua del radiatore piena di olio emulsionato o denso, e questo è un problema a cui bisogna prestare molta attenzione. Se il veicolo sembra comunque funzionare a regola d’arte, allora è probabile che la presenza di olio nell’acqua sia recente. Non è comunque mai buona cosa trovare il lubrificante all’interno della vaschetta dell’acqua del radiatore, anzi. C’è da dire però che si tratta di un guasto che si può riparare e recuperare in maniera abbastanza semplice e senza spendere troppo. L’importante è, chiaramente, agire per tempo.

Ma qual è la causa della presenza di olio nel liquido di raffreddamento? È ovvio: il mescolamento dei due fluidi, che generalmente si trovano, a funzionamento corretto e in assenza di problemi all’auto, in circuiti separati. Lo scambiatore acqua-olio che si rompe (e può succedere) è senza dubbio il punto in cui acqua e olio si possono mescolare più facilmente.

La soluzione al problema è: sostituire nell’immediato lo scambiatore guasto e quindi rimuovere anche l’olio e il refrigerante, lavare e ripristinare entrambi i liquidi (refrigerante e olio motore), andando infine anche a cambiare il filtro dell’olio.

Il problema nella guarnizione della testata del motore

Una delle cause principali della presenza di olio nell’acqua del radiatore, come abbiamo detto in apertura, a prescindere dallo scambiatore, è la guarnizione della testata. Infatti, come avviene anche per lo scambiatore acqua–olio che si rompe, anche una tenuta scarsa di questo fondamentale elemento del motore può provocare l’emulsione di acqua e olio. In genere è di color marrone chiaro-nocciola e si trova sotto al tappo della vaschetta del radiatore e anche sotto a quello di rifornimento dell’olio motore. Solitamente l’olio va a finire nell’acqua di raffreddamento, a causa della pressione di esercizio più elevata, ma questo dipende anche dal punto in cui si rompe la guarnizione e dalla probabilità che ci sia anche gorgoglio di gas di scarico, oltre all’olio, nel radiatore.

Quali sono le soluzioni al problema dell’olio nell’acqua

Nei casi indicati sopra quindi abbiamo rilevato quando è possibile trovare, malauguratamente, dell’olio all’interno dell’acqua del radiatore: non è mai una buona cosa. La raccomandazione è sempre quella di rivolgersi prima possibile a un’officina, dove un meccanico specializzato può individuare il problema e capire come intervenire per la riparazione.

Il consiglio per risparmiare nei costi è quello di chiedere più di un preventivo a differenti professionisti, affidandosi sempre e comunque a un centro regolare, che rilascia fattura. Si tratta di un problema subdolo, a volte difficile da individuare. Per questo fate attenzione, perché se cercate di risparmiare e il problema non si risolve – e soprattutto non avete in mano una regolare fattura – non potrete mai rivalervi su nulla.