Info Utili

I consigli per fare un perfetto parcheggio a S

Una delle manovre ritenute più difficili, soprattutto dai neopatentati, è il parcheggio a S: vediamo alcuni consigli utili per non sbagliare

Sia a scuola guida che subito dopo aver preso la patente, uno dei peggiori incubi degli automobilisti in genere sono i parcheggi a S, come riuscire a mettere l’auto tra due vetture che sono già in sosta (davanti ad una e dietro all’altra). Vediamo invece alcuni consigli utili per riuscire a fare il temuto parcheggio a S, che sembra una manovra tanto difficile, ma che invece può diventare davvero semplice, con i giusti accorgimenti.

Come fare i parcheggi a S

Spesso a scuola guida non si ha nemmeno il tempo necessario per fare molta pratica e quindi, una volta presa la patente, ci si trova davvero in difficoltà con questo tipo di parcheggio in retromarcia, il famoso parcheggio a S. Sembra impossibile, ma adesso daremo alcune indicazioni da seguire per riuscire a semplificare questo tipo di manovra, qualche trucco per parcheggiare a bordo strada, tra due auto, senza fatica soprattutto il rischio di danneggiare la propria macchina o quelle già in sosta.

Prima cosa da fare: segnalare le proprie intenzioni

Innanzitutto metti la freccia per segnalare alle auto che vengono verso di te che hai intenzione di parcheggiare a lato strada, in modo che gli altri veicoli potranno fermarsi per lasciarti il tempo e lo spazio per fare il tuo parcheggio a S; niente agitazione, prenditi tutto il tempo, senza ansie. Gli altri aspetteranno.

Come prendere la posizione?

È necessario affiancarsi alla vettura parcheggiata dietro la quale hai deciso di parcheggiare. Lo specchietto lato passeggero deve stare un pelo più indietro di quello lato guidatore di questa macchina in sosta.

Come procedere per parcheggiare a S

Una volta presa la posizione, è ovviamente necessario innescare la retromarcia e procedere all’indietro. Prima gira tutto il volante verso il lato in cui devi parcheggiare, e procedi finché la tua macchina si posiziona a 45°. Poi raddrizza le ruote e procedi all’indietro, gira in seguito tutto il volante al lato opposto, l’auto si posizionerà in questo modo ben dritta dietro quella che hai preso come riferimento.

Raddrizza la macchina, metti la prima e termina il tuo parcheggio a S, lasciando abbastanza spazio sia all’auto davanti a te che a quella dietro, in modo che possano poi uscire dal parcheggio senza fare fatica o rischiare di venirti addosso.

Come parcheggiare a S in due manovre

Le prime volte che si procede per fare un parcheggio a S è necessario fare molta attenzione ai dettagli, quali lo spazio del parcheggio, la traiettoria giusta per non colpire muro, marciapiede o auto, la distanza dalle macchine già in sosta. Poi l’operazione, come tutte, con la pratica diventa molto più semplice, e addirittura possibile in due semplici manovre.

Un trucchetto sta nel vedere nello specchietto esterno i fari dell’auto che sta dietro, mentre stai procedendo in retro e stai entrando nel parcheggio, guarda nello specchietto e sterza appena si vedono i fari dell’auto posteriori, sterza.

Altre regole utili per i parcheggi a S

Sveliamo alcuni segreti molto utili per un buon parcheggio a S:

  • lo spazio per parcheggiare deve essere di almeno 1 metro più lungo della propria auto;
  • non dimenticare mai di segnalare con la freccia l’intenzione di parcheggiare;
  • inserisci la retro e inizia la manovra, attenzione a non toccare il marciapiede.

Segui queste indicazioni per esercitarti, il meccanismo può diventare davvero molto semplice, man mano che lo ripeti.