Info Utili

Come si sceglie l’olio motore migliore per la moto

Per un ottimo funzionamento della moto e evitare problemi al motore, è fondamentale usare l'olio adatto: cosa bisogna sapere

La sostituzione periodica dell’olio motore della moto è molto importante, è fondamentale però sapere quale lubrificante scegliere per il proprio veicolo, la qualità più adatta. Si tratta di un elemento di primaria importanza per quanto riguarda la vita del motore di ogni mezzo, ha funzione di lubrificazione delle superfici di contatto all’interno del motore stesso e di raffreddamento. Questo evita problemi alle parti meccaniche, l’olio protegge gli organi interni da corrosione e morchie sulle superfici. Per questo motivo, anche se non si percorrono molti chilometri in moto, è fondamentale la sostituzione periodica. Come scegliere il prodotto di migliore qualità per la propria due ruote? Vediamolo insieme.

Composizione dell’olio motore

L’olio motore si compone di:

  • una base, solvente con proprietà lubrificante, in cui sono disciolti gli additivi; può essere di origine minerale (deriva dalla distillazione del petrolio), sintetica (deriva da processi industriali di sintesi chimica o dal trattamento di prodotti derivati dalla distillazione del petrolio), rigenerata (proviene dal trattamento industriale degli oli usati);
  • additivi, sostanze chimiche aggiunte alla base per fornire il lubrificante delle prestazioni necessarie al suo funzionamento;
  • i miglioratori delle caratteristiche reologiche, agiscono sulle capacità di scorrimento del lubrificante, dando una buona fluidità a bassa temperatura e la giusta viscosità ad alta temperatura.

Sono tutti gli elementi che compongono l’olio motore che si può usare per la propria moto, ma nessuno di questi certifica la qualità del lubrificante stesso.

La qualità dell’olio motore per la moto

Per scegliere il miglior olio motore è necessario prima di tutto fare riferimento alle sigle API, ACEA, Costruttori, che riassumono le caratteristiche stesse del lubrificante e i requisiti minimi che deve avere per essere adatto al motore nel quale viene usato. Sul libretto d’uso e manutenzione del mezzo infatti sono scritte le specifiche di riferimento, ogni motore infatti ha bisogno di un olio con caratteristiche con specifiche pari o superiori a quelle indicate.

Cosa bisogna sapere:

  • le viscosità SAE si trovano sui libretti. La scelta dipende dal tipo di motore e altri fattori come a temperatura esterna e lo stile di guida. Per fare un esempio, generalmente si usano gradazioni SAE più basse su una moto sportiva rispetto a quelle impiegate per una moto da turismo. In questo modo si hanno minori perdite e cali di potenza;
  • classificazione SAE: il primo numero si riferisce alla viscosità a freddo, il secondo quella a caldo. Leggendo correttamente le specifiche, è possibile capire il livello minimo di qualità del lubrificante. È bene considerare però che la specifica non misura di quanto il livello viene oltrepassato e quindi può succedere che lubrificanti diversi che hanno però le stesse specifiche vengono considerati qualitativamente identici, per errore;
  • scegliere la viscosità significa anche tenere conto della temperatura minima e massima di funzionamento del motore (invernale e estiva). Tutto dipende quindi dalla zona in cui si vive e si viaggia. Bisogna scegliere l’olio motore adatto per la propria moto, che resti però abbastanza fluido a bassa temperatura, in modo da assicurare un facile avviamento, e che assicuri anche una viscosità sufficiente quando il motore è sotto sforzo. Se la moto viene usata quindi, ad esempio, in condizioni gravose di temperatura per periodi prolungati è meglio usare un olio con gradazione più alta.

Attenzione: il consiglio degli esperti è quello di controllare costantemente il livello e le condizioni dell’olio e rivolgersi a rivenditori specializzati per avere i suggerimenti utili sui brand e sulle qualità degli oli in commercio.

tag
moto