Info Utili

Come si guida davvero bene in montagna?

Tutti i consigli utili per guidare bene in montagna, in completa sicurezza e senza pericoli, nonostante il freddo e la neve

L’estate sta finendo, e c’è chi parte per i suoi ultimissimi giorni di ferie oppure chi inizia a raggiungere la sua casa in montagna ogni week end, per passare un paio di giornate di svago prima di rientrare al lavoro il lunedì mattina. Una cosa è certa, soprattutto durante l’inverno o ad altitudini elevate, è bene sapere come guidare in montagna per evitare pericoli e come prepararsi a eventuali imprevisti comuni.

Lo stile di guida più sicuro per la montagna

Per guidare in sicurezza sulle strade di montagna, è bene tenere presente tutte le condizioni in cui è possibile trovare l’asfalto. Quindi potrebbero esserci delle lastre di ghiaccio o la neve se fa molto freddo, ma anche fango e acqua, tutti elementi che possono chiaramente rendere la guida più difficoltosa. La prima regola è guidare con prudenza, quindi mantenendo la giusta distanza di sicurezza dai veicoli che ci precedono, andare piano, evitare manovre brusche.

Sulle strade in salita, soprattutto in condizioni di neve e ghiaccio, bisognerebbe cercare sempre di mantenere una marcia bassa (ancor più se l’auto è carica e pesante). Questo consente al conducente di non dover rallentare o scalare improvvisamente, facendo slittare le ruote e rendendo molto difficile il proseguimento della marcia.

Lo stesso vale per la discesa, qui bisogna fare attenzione anche a non usare in maniera impulsiva e nervosa i freni, anche se istintivamente spesso si fa. Questo può provocare una perdita di aderenza e il rischio di testa coda. Se necessario, è bene guidare con le catene da neve, altrimenti diventa impossibile (in base alle condizioni della strada) per esempio viaggiare su una strada in pendenza e ghiacciata.

Gli accessori giusti per la guida in montagna

La guida in montagna comporta spesso un utilizzo più frequente dell’impianto di riscaldamento dell’aria, per disappannare i vetri, e dell’illuminazione, quando si percorrono determinati tratti di strada completamente bui. Questi sono elementi che, insieme alle basse temperature atmosferiche, potrebbero far scaricare la batteria dell’auto più facilmente.

Prima della partenza quindi sarebbe bene ricaricarla o addirittura cambiarla se è vecchia o se ha già dato alcuni segnali di malfunzionamento. Attenzione: portate sempre con voi i cavi di emergenza, per collegare l’auto nel caso in cui sia in panne per batteria scarica.

Per guidare in montagna, soprattutto durante la stagione più fredda, è bene montare pneumatici invernali o gomme quattro stagioni, che devono comunque essere in ottimo stato, oppure avere le catene da neve a bordo.

Come guidare in montagna e affrontare le soste durante le ore notturne

L’auto, e in particolare il motore, sono sottoposti a condizioni di guida più dure quando ci si reca in montagna, soprattutto se fa molto freddo. Infatti sia il liquido refrigerante che il carburante e il liquido lavavetri potrebbero congelare. Come risolvere questa situazione:

  • nel serbatoio si può aggiungere un additivo anticongelante apposito per il carburante ghiacciato;
  • esiste un liquido lavavetri specifico per l’inverno;
  • per il refrigerante, se diluito con acqua e vecchio, nascono dei problemi durante eventuali soste notturne all’aperto.

Attenzione anche all’olio motore, chi va spesso in montagna con la sua auto usa degli oli di gradazione SAE più bassa, per chi invece va in montagna occasionalmente, il nostro consiglio è controllare il livello e farlo scaldare guidando in maniera tranquilla.