Info Utili

Come si guida un’auto ibrida? I nostri consigli utili

Guidare un'auto ibrida porta con sè differenti vantaggi che forse ancora non tutti sanno: vediamo quali sono e i consigli per risparmiare

Oggi siamo sempre più attenti all’ambiente e all’inquinamento, anche per quanto riguarda la mobilità e le emissioni auto. Per questo motivo tutti i produttori del settore si stanno concentrando sempre più sulle nuove tecnologie, quali le motorizzazioni elettriche e ibride. Sistemi che consentono di risparmiare molto sui costi del carburante e anche di ridurre i livelli di emissioni inquinanti.

La speranza è quindi quella di raggiungere un giorno una transizione completa della mobilità, un passaggio dalle classiche motorizzazioni a benzina e diesel verso quelle elettrificate. Ad ora quel momento sembra ancora così tanto lontano nonostante, come abbiamo detto, molti costruttori stiano realizzando nuovi modelli ibridi e elettrici ed inserendoli nei loro listini, con buone capacità di vendita. Concentriamoci adesso sulla tecnologia ibrida, che offre molti vantaggi, vediamo tutto quello che bisogna sapere sulla guida di un veicolo ibrido e i consigli per un migliore utilizzo.

I vantaggi dell’elettrico nella guida ibrida

Il primo vantaggio è legato all’avviamento in modalità completamente elettrica dell’auto ibrida, oltre che alla tecnologia di ottimizzazione del recupero dell’energia. Le vetture ibride vengono progettate dai costruttori con la massima attenzione, per dare agli automobilisti il ‘potere’ di viaggiare il più possibile in elettrico, assicurando quindi degli spostamenti più silenziosi. E non è tutto, la tecnologia ibrida permette anche di guidare con accelerazioni più decise e manovre più morbide, in modo da garantire il massimo comfort di guida.

Il commutatore intelligente e i suoi pregi

Il conducente dell’auto ibrida ha la possibilità di passare dalla modalità ibrida a quella elettrica grazie al commutatore intelligente, quando la batteria è abbastanza carica.

Altro vantaggio è rappresentato dal cambio automatico, in grado di garantire la trasmissione delle marce e il passaggio dalla modalità ibrida a quella elettrica a seconda della pressione sul pedale dell’acceleratore e anche del livello di carica della batteria della macchina. L’auto all’avvio è in modalità elettrica automaticamente, e lo rimane fino ad una velocità compresa tra i 70 e i 130 km/h. Questo vuol dire che, se all’automobilista serve più potenza oppure se alla vettura manca la carica della batteria, allora passa in modalità termica.

Circolare in città o sulle lunghe distanze con l’auto ibrida

Questa tipologia di vetture è perfetta per la circolazione urbana, il traffico del centro cittadino infatti è proprio l’ideale per i veicoli ibridi, che possono ‘decidere’ di viaggiare in elettrico praticamente per tutto il tempo, evitando consumi e emissioni inutili.

L’auto ibrida offre una maggiore autonomia rispetto a quelle diesel o alimentate a benzina, assicurata sia dal motore termico che dalla batteria. Quest’ultima si ricarica grazie all’energia cinetica che viene immagazzinata dalla vettura durante le fasi di frenata o in discesa, alimentando il motore elettrico.

I viaggi in autostrada con l’auto ibrida

L’esperienza di guida garantita da una vettura ibrida in autostrada non ha eguali, grazie alla possibilità di alternare le differenti tipologie di trazione disponibili. Ovviamente quella ibrida offre maggiore autonomia, oltre a un’accelerazione più decisa, grazie all’equilibrio tra le due differenti motorizzazioni. Il grande vantaggio, che invece per le auto elettriche rimane ancora un limite (l’ansia da autonomia e ricarica), è il fatto che se la batteria si scarica allora subentra in automatico il motore a combustione, che permette al conducente di proseguire il suo viaggio in autostrada.

Come risparmiare con l’auto ibrida

Questa tipologia di motorizzazione non solo consente di risparmiare per quanto riguarda i consumi di carburate, ma anche nei costi di manutenzione. Infatti l’usura del motore termico è minore proprio per il fatto che viene usato in alternanza con il motore elettrico, tutti gli interventi di manutenzione quindi sono meno frequenti. Questo permette un gran risparmio.