Info Utili

Come si può ottenere una targa personalizzata e valida?

Come ottenere una targa personalizzata e valida per la propria automobile: dove richiederla e quanto costa la personalizzazione

Chiunque sia stato negli Stati Uniti d’America, o abbia guardato un film americano, avrà certamente fatto caso alla diversità delle targhe a stelle e strisce rispetto a quelle italiane. Una particolarità che contraddistingue le targhe americane, oltre alla differenza tra uno Stato e l’altro, è sicuramente la possibilità di personalizzarle a proprio piacimento.

Se prima la personalizzazione di una targa era esclusivamente una prerogativa degli USA e di altri Paesi stranieri, da qualche anno anche in Italia è possibile richiedere la targa personalizzata per la propria auto. Scopriamo insieme come fare e cosa dice la legge in merito.

Targa personalizzata: cosa dice la legge in Italia

L’articolo 100 del Codice della Strada è quello che regola la richiesta della targa personalizzata in Italia. La legge prevede dei limiti specifici per la personalizzazione delle targhe: chiunque decida di chiedere l’autorizzazione per personalizzare la targa del proprio veicolo, non può scegliere come lettere iniziali la X, la Y o la Z. Allo stesso tempo, la targa non può essere composta da lettere come la Q, la I, la U e la O: queste sono vietate in quando facilmente confondibili.

Dove richiedere la targa personalizzata

L’iter per la richiesta della targa personalizzata prevede di rivolgersi al Dipartimento per i Trasporti Terrestri e alla Motorizzazione Civile che è parte integrante del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e fa capo alla Direzione Trasporti Terrestri.

Per inviare la richiesta bisogna compilare attentamente un apposito modulo con tutte le informazioni del caso. Al modulo, inoltre, quale vanno allegati diversi documenti, come la fotocopia del libretto di circolazione e del documento di riconoscimento dell’intestatario della vettura. Non è possibile richiedere la targa personalizzata online. Sul Web, tuttavia, si possono utilizzare alcuni strumenti che consentono di creare combinazioni di numeri e di lettere da prendere come esempio.

Quanto costa personalizzare la targa della propria auto

A stabilire il prezzo della personalizzazione della targa della propria vettura è il Dipartimento per i Trasporti Terrestri, lo stesso a cui bisogna inoltrare la richiesta di autorizzazione. Quando si fa domanda per la targa personalizzata si compila un modulo con tutte le informazioni sul messo e sul proprietario: su quel modulo verrà segnalato il codice di riferimento alfanumerico scelto per la propria targa.

A questo punto, l’Ufficio del Dipartimento per i Trasporti Terrestri verifica la disponibilità della targa e provvede a immatricolare il veicolo e a rilasciare la carta di circolazione nel caso si tratta di un’auto appena comprata, oppure richiedere un nuovo libretto di circolazione e una nuova targa qualora si trattasse di un veicolo già circolante.

Al fine di richiedere e ottenere la targa personalizzata per un veicolo nuovo da immatricolare è di 150 euro. Il prezzo sale leggermente per i veicoli già circolanti, poiché bisogna modificare il libretto di circolazione e utilizzare una targa provvisoria fino a quando non sarà pronta quella nuova.

Personalizzare la propria targa con kit adesivi

Un altro metodo per rendere la propria targa personalizzata e unica, è quello di usare dei kit adesivi catarifrangenti che brillano al buio. Non esistono solo degli adesivi fluorescenti in grado di brillare se illuminati: ci sono anche degli stickers con i quali associare il logo del costruttore alla targa della propria vettura.

I kit adesivi per personalizzare la targa dell’automobile hanno un costo accessibile a tutti: il loro prezzo si aggira intorno ai 10 euro. Prima di acquistarli, però, è bene assicurarsi di scegliere esclusivamente degli stickers omologati e conformi al Codice della Strada, così da evitare inconvenienti. Tutti gli adesivi che aggiungono il logo della Casa costruttrice alla targa sono idonei alla circolazione solo se non vanno a coprire la scritta della targa: per questo bisogna prestare molta attenzione in fase di fissaggio.