Info Utili

Come guidare in maniera ecologica e rispettosa dell’ambiente?

Attraverso degli utili consigli, è possibile affinare la propria tecnica di guida e renderla più ecologica: si riducono i consumi e si rispetta l'ambiente

Imparare a guidare in maniera ecologica può chiaramente essere un vantaggio per l’ambiente, ma anche per i conducenti di auto e altri mezzi. Tra i fattori che più influiscono sulla quantità di carburante che consumiamo durante un viaggio ci sono:

  • modalità di guida;
  • distanza percorsa;
  • tempo impiegato.

La tecnica che si usa per guidare è una delle caratteristiche più rilevanti in questo senso, infatti tenere una modalità ecologica consente di risparmiare molti soldi spesi ogni anno per il rifornimento di carburante. Vediamo tutto quello che bisogna sapere.

Che cosa significa modalità di guida ecologica?

Partiamo dalle basi e cerchiamo di capire cosa intendiamo quando diciamo che dobbiamo tenere una modalità di guida ecologica. È un metodo che serve per usare meno carburante e ridurre l’impatto sull’ambiente.

Gli aspetti positivi:

  • un risparmio di carburante pari al 15-30% rispetto a chi tiene una guida aggressiva su strade a scorrimento veloce, del 10-40% invece con traffico discontinuo;
  • miglioramento della flotta dal punto di vista ecologico, sempre più importante, visto l’irrigidimento delle norme in materia di emissioni inquinanti e consumo di carburante.

Secondo alcuni importanti studi, guidare in maniera ecologica significa:

  • aumentare la sicurezza;
  • ridurre l’usura dell’auto;
  • ridurre consumi e costi per il carburante;
  • diminuire le emissioni inquinanti.

Come guidare in maniera ecologica: i consigli

Quali comportamenti tenere per risparmiare sui consumi e ridurre le emissioni:

  • evitare accelerazioni e frenate troppo brusche, se possibile. Oltre ad aumentare il consumo di carburante, è possibile che l’auto si usuri più rapidamente (ad esempio l’impianto frenante);
  • ridurre i pesi trasportati, eliminando tutto quello che è superfluo/in eccesso. I veicoli più pesanti hanno bisogno infatti di una maggiore quantità di carburante per essere mossi. Quindi se in macchina sei solito tenere oggetti inutili, è arrivato il momento di liberartene;
  • cercare di mantenere una velocità costante (un consiglio è anche quello di usare il cruise control);
  • cerca di non lasciare mai la tua auto al minimo per più di 10 secondi, in questo modo infatti consumeresti molto più carburante rispetto a quello che serve per uno spegnimento e una conseguente accensione; oltretutto, se prevedi di fare una sosta di più di 60 secondi, spegni la macchina: aiuta anche a diminuire le emissioni inquinanti;
  • ultimo consiglio, ma non per importanza, è quello che riguarda i percorsi e i tragitti scelti per raggiungere una determinata località. Anche se forse non tutti se ne rendono pienamente conto, la ‘tattica’ di pianificare il percorso alla perfezione prima di partire e di unire più viaggi in uno solo, può essere molto utile. È bene inoltre essere sempre informati sulle condizioni del traffico stradale e sulla presenza di eventuali cantieri. In questo modo è possibile provare almeno ad evitare tutti i tragitti più congestionati. L’ottimizzazione del percorso permette di ridurre il funzionamento al minimo, i tempi di guida e anche il rischio di brusche frenate, tutti elementi che farebbero spendere molto più denaro il carburante.

La guida ecologica oggi è molto importante: quali sono i reali motivi

Se un automobilista o chi guida qualsiasi altro mezzo decide di correggere la sua tecnica di guida per provare a risparmiare denaro speso per fare benzina e anche per ridurre le emissioni inquinanti, allora è facile comprendere che il vantaggio della guida ecologica non è solo per i proprietari dei veicoli, ma anche per l’ambiente.

tag
consumi