Info Utili

Cos’è e a che cosa serve il grip control della tua auto

Tra i sistemi che consentono di viaggiare sicuri in auto c'è anche quello di antipattinamento delle ruote, il grip control: come funziona

Credits: iStock

Il grip control è un sistema per auto che consente al veicolo stesso di regolare automaticamente la trazione delle ruote, a seconda dell’aderenza sul manto stradale, in qualsiasi condizione. Vediamo quindi come si utilizza e – nello specifico – come funziona.

Grip control e sicurezza

Con lo sviluppo degli infiniti sistemi elettronici di ultima generazione, le auto moderne si sono trasformate in qualcosa in grado di offrire il miglior comfort e la maggior sicurezza da ogni punto di vista. I sistemi di ultima generazione infatti aiutano a gestire la macchina quasi perfettamente, in ogni condizione e a velocità elevate.

A proposito di questo, il grip control è uno dei sistemi elettronici che, applicato a organi meccanici – in questo caso al differenziale e alle ruote – riesce ad aumentare la sicurezza a bordo. Ha il preciso compito di andare a regolare la potenza applicata ed evitare il pattinamento delle ruote, che può causare sinistri stradali anche molto gravi.

Gli esperti definiscono il grip control come una sorta di evoluzione dell’ESP (controllo elettronico della stabilità), il sistema antipattinamento che aiuta il conducente a mantenere il controllo dell’auto anche in presenza di eventuali sbandate, nel momento in cui le ruote si trovano su un tratto di strada con minore aderenza.

Come funziona il grip control

Innanzitutto è bene sapere che viene azionato tramite una manopola specifica che si trova nell’abitacolo dell’auto e che permette al guidatore di scegliere tra cinque differenti modalità: ognuna comanda una modalità di intervento differente della centralina, che agisce a seconda dell’impostazione data e di quello che sta succedendo alle ruote del mezzo. Il processore regola così la potenza del motore a seconda degli impulsi che riceve, e trasferisce una quantità maggiore o minore di trazione alle ruote, per dare al veicolo il miglior grado di stabilità possibile.

Modalità di guida e grip control

Quali sono le modalità di guida che si possono scegliere con questo sistema:

  • standard, chiaramente la prima dell’elenco. La configurazione ideale per strade con un basso livello di pattinamento. Se necessario in questi casi il grip control interviene dando più potenza alla ruota che in quel momento ha più aderenza. Funziona tutto in automatico, il conducente può (e deve) continuare a guidare serenamente;
  • fango, consente di avere un’ottima trazione in situazioni simili a quelle di un terreno ricoperto appunto di fango. L’auto in questo caso ha sempre una trazione ottimale, la coppia motrice infatti viene ripartita alle ruote in maniera proporzionale e a seconda delle caratteristiche del manto stradale;
  • sabbia, l’ideale quando le ruote motrici perdono totalmente aderenza. In questo caso il grip control interviene in modo che le due gomme pattinino insieme, per ridurre il rischio che l’auto rimanga immersa nella sabbia, senza più poterne uscire;
  • neve, passiamo dal deserto alla montagna. Consente anche in questo caso all’auto di adattarsi alle condizioni della strada, fondamentale appunto in caso di ghiaccio e neve, ogni ruota in questo caso riceve la potenza adeguata per superare le difficoltà di aderenza riscontrate. È un’impostazione più progressiva rispetto alla “fango”, in modo che il veicolo possa essere gestito alla perfezione anche su strade completamente ghiacciate e difficili da percorrere, ma anche con neve profonda;
  • infine la ESP OFF, elimina il controllo della stabilità e permette al conducente di guidare senza l’intervento del grip control e di qualsiasi tipo di sistema antislittamento (funziona solo fino a 50 km/h, dopodiché il sistema si riattiva automaticamente per garantire maggiore sicurzza).
Leggi l'articolo su Icon Wheels