Info Utili

Come si acquista un’auto da un proprietario non intestatario?

Il passaggio di proprietà di una vettura che appartiene a un proprietario non intestatario segue una procedura particolare: cosa bisogna sapere

L’acquisto di un veicolo può avvenire anche quando quest’ultimo appartiene ad una persona che non risulta intestataria al PRA, perché non aveva registrato il passaggio di proprietà nel momento in cui ha ritirato il mezzo. È possibile comunque comprare l’auto, l’importante è che si possieda il certificato di proprietà cartaceo o il foglio complementare originale e che si paghi l’imposta provinciale di trascrizione (IPT) in misura doppia.

Se il veicolo rientra già nei Sistemi Informativi ACI e quindi si dispone del certificato di proprietà digitale, allora serve la delega all’utilizzo del CdP da parte dell’intestatario o di chi ne ha titolo, come ad esempio un erede. La trascrizione da proprietario non intestatario è permessa dalla Legge, non vi è alcun divieto, ma non produce gli effetti tipici della pubblicità; infatti non è opponibile ai terzi fino al momento in cui viene data regolare pubblicità all’atto anteriore non trascritto.

Proprietario non intestatario: cosa fare

È necessario:

  • chiedere l’aggiornamento della carta di circolazione alla Motorizzazione;
  • chiedere la registrazione del passaggio di proprietà e l’aggiornamento del CDPD al PRA.

Entrambe le richieste devono essere fatte entro 60 giorni dalla data di autentica della firma sull’atto di vendita.

Documenti per la richiesta al PRA

Per presentare la richiesta al Pubblico Registro Automobilistico servono:

  • il certificato di proprietà cartaceo, CDPD o foglio complementare;
  • l’atto di vendita con dichiarazione che attesta che la vendita è effettuata da proprietario non intestatario e che la registrazione avverrà ai sensi dell’art. 2688 del Codice Civile, redatto in forma di dichiarazione unilaterale di vendita con la firma del venditore autenticata in bollo redatta su un altro foglio;
  • la nota di presentazione al PRA, con codice fiscale dell’acquirente: modello NP3C, in doppio originale, che si trova sul sito o presso gli STA del PRA e degli uffici provinciali della Motorizzazione;
  • il codice fiscale dell’acquirente;
  • la fotocopia di un documento di identità dell’acquirente (se è in lingua straniera, serve anche la traduzione in italiano certificata di un traduttore ufficiale);
  • la dichiarazione sostitutiva di certificazione di residenza dell’acquirente, se non riportata sul documento; se l’acquirente è una persona giuridica serve la dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante per attestare la sede della persona giuridica.

Se l’acquirente è un cittadino extracomunitario residente in Italia serve la fotocopia del permesso di soggiorno valido, se scaduto serve comunque la fotocopia con allegata la fotocopia della ricevuta postale che attesta l’avvenuta presentazione della richiesta di rinnovo o la fotocopia del documento di identità e della ricevuta attestante la presentazione dell’istanza di primo rilascio oppure ancora la fotocopia del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Se l’acquirente è un familiare extracomunitario di un cittadino dell’Unione Europea residente in Italia serve la fotocopia della carta di soggiorno di familiare di un cittadino dell’Unione Europea o la fotocopia della carta di soggiorno permanente per familiari di cittadini europei.

Se il veicolo è munito di Documento Unico di Circolazione e di Proprietà è obbligatorio allegare, oltre al DU, anche il titolo che non è stato trascritto a suo tempo, che può essere il testamento, o l’atto di accettazione dell’eredità o ancora l’atto di vendita (se non si ha l’originale basta la copia).

Quali sono i costi?

Per l’acquisto di un veicolo bisogna pagare:

  • imposta Provinciale di Trascrizione: importo raddoppiato, varia in base a veicolo e provincia di residenza;
  • emolumenti ACI: 27 euro;
  • imposta di bollo per registrazione al PRA: 48 euro;
  • eventuale tariffa del servizio di intermediazione (se ci si rivolge a un’agenzia di pratiche auto o a una delegazione ACI per la pratica).