Info Utili

Cambio che gratta: che cosa significa e cosa fare?

Cambio che gratta, quel rumore fastidiosissimo che è possibile sentire mentre ingraniamo la marcia. O siamo distratti o c'è un problema: come risolverlo

Credits: iStock

Nella propria esperienza di automobilista, chiunque almeno una volta ha provato la terribile sensazione del cambio che gratta. Un rumore fastidioso che è possibile che l’auto emetta mentre stiamo guidando e cambiando marcia. Ma da dove proviene quel rumore? E soprattutto, può essere pericoloso e causare dei danni alla macchina? Esistono delle soluzioni per evitare di incappare in situazioni simili? Vediamo tutto quello che bisogna sapere.

Cambio auto rumoroso: quali sono i motivi

Il rumore che fa il cambio quando gratta (siamo soliti dire così) è molto sgradevole e fastidioso, un suono di attrito provocato dagli ingranaggi del cambio, che a volte capita di sentire appunto quando si ingrana/cambia la marcia. È la tipica situazione che in gergo chiamiamo appunto ‘grattata’. La maggior parte delle volte succede perché il guidatore effettua la sua cambiata in maniera distratta e maldestra, senza schiacciare bene il piede sul pedale della frizione, fino a fondo. Generalmente non provoca danni particolari, ma bisogna fare attenzione che non sia il segnale di una situazione più complessa, di qualche problema al cambio. Approfondiamo insieme l’argomento.

Come funziona il cambio dell’auto

Prima di capire perché il cambio può grattare e qual è la soluzione, definiamo che cos’è e a che cosa serve. Si tratta del meccanismo dell’auto che consente di usare la potenza del motore facendo ingranare delle ruote dentate che sono posizionate a coppie. Come funziona? L’albero motore trasmette il moto al contralbero, su cui ci sono tante ruote quanti i rapporti, attraverso una coppia di ruote dentate. L’albero secondario è collegato alla leva del cambio e sullo stesso ci sono le ruote dentate delle marce. Quindi, quando mettiamo una marcia, una delle ruote dell’albero secondario si collega a quella corrispondente che si trova sul contralbero.

Cause e soluzione del cambio che gratta: cosa succede e cosa fare

Se il cambio della nostra auto continua a grattare, è inevitabile che ci chiediamo che cos’abbia che non va, quale sia insomma il problema. La prima cosa da tenere sempre presente è che il meccanismo grazie al quale funziona il cambio è abbastanza complesso, quindi quando ci rendiamo conto che qualcosa non funziona, portiamo immediatamente l’auto dal meccanico, senza cercare di provvedere autonomamente; è l’unica soluzione. Vediamo ora un elenco di quelle che sono le cause (e le soluzioni) più comuni della grattata del cambio:

  • problemi alla frizione, quando infatti è usurata e da sostituire, il cambio che gratta (insieme al pedale che si indurisce) è uno dei principali segnali che l’auto manda al conducente, per avvisarlo che è arrivato proprio il momento (tanto odiato e costoso) di cambiarla. La soluzione? Far controllare la macchina da un professionista e provvedere alla sostituzione della frizione;
  • olio del cambio, la sua funzione principale è quella di ridurre l’attrito tra gli organi in moto del cambio stesso. se si sente la grattata, vuol dire che l’olio non sta facendo il suo lavoro. Questo è il motivo per cui bisogna far verificare la situazione da un meccanico ed eventuale cambiare l’olio (molto raro) o rabboccarlo, fino a raggiungere il livello giusto;
  • la rottura del sincronizzatore del cambio è una delle principali cause della grattata. Ma che cos’è? In genere è un elemento dalla forma ad anello conico e serve appunto per sincronizzare la velocità di rotazione dei due ingranaggi che devono essere collegati, in modo da creare la velocità che si desidera. Il pezzo di ricambio costa solo alcune decine di euro, quindi il problema non è quello. Se si rompe deve ovviamente essere sostituito, ma la manodopera è decisamente costosa, visto che il meccanico deve praticamente aprire interamente il cambio.
Leggi l'articolo su Icon Wheels