Info Utili

Bollo: che cos’è e come si fa la domiciliazione bancaria?

Il pagamento del bollo è obbligatorio per legge e, forse non tutti lo sanno, è possibile usufruire della domiciliazione bancaria: come funziona

Sappiamo che il bollo è la tassa di possesso dell’auto obbligatoria da pagare in Italia, per legge, ogni anno. È possibile fare la domiciliazione sul proprio conto corrente bancario in modo molto semplice e conveniente. Si tratta della procedura che permette di addebitare automaticamente l’importo del tributo sul conto corrente. Vediamo come fare.

Come funziona la domiciliazione bancarie

Partiamo proprio dal meccanismo: alla scadenza temporale del bollo non è più necessario uscire per pagare in posta, o al tabacchino/ricevitoria oppure fare il versamento online. Basta semplicemente verificare l’avvenuto pagamento sul conto corrente.

Si può fare in tutte le regioni?

Non è un servizio offerto in tutte le regioni, quindi consigliamo di controllare che la domiciliazione sia disponibile appunto nella propria regione di residenza. La Lombardia è una delle prime che ha iniziato a dare quest’opportunità ai suoi cittadini, e permette di usufruire della domiciliazione sia alle persone fisiche che possiedono uno o più veicoli, che a quelle che pagano per conto di un altro proprietario (o locatario), come ad esempio un genitore o un figlio. Anche le persone giuridiche possono beneficiare di questo servizio (titolari di 50 veicoli al massimo).

Se l’auto è cointestata, allora la richiesta di domiciliazione deve essere fatta dal soggetto che sulla carta di circolazione è indicato per primo.

La domiciliazione bancaria del bollo vale per tutti i veicoli?

Il servizio è disponibile per la generalità dei veicoli, tranne quelli che beneficiano dell’esenzione del bollo auto, e per i rimorchi con massa inferiore a 3,5 tonnellate. La domiciliazione bancaria si può fare anche per tutti i mezzi di nuova immatricolazione, con scadenza alla fine del mese successivo a quello dell’immatricolazione.

Attenzione: la domiciliazione bancaria è concessa a tempo indeterminato, finché l’automobilista non decide di revocarla.

Come fare la richiesta di domiciliazione bancarie del bollo auto

La richiesta può essere effettuata anche online, è necessario chiaramene seguire le indicazioni della regione che emette il pagamento. Attenzione: non dimentichiamo che la tassa di possesso del veicolo è di competenza regionale, e quindi ogni ente locale ha la possibilità di scegliere differenti modalità.

Prendiamo come esempio sempre la Regione Lombardia; il mandato di autorizzazione all’addebito può essere sia in forma cartacea che online:

  • online: bisogna accedere alla propria Area Personale Tributi con la Carta d’Identità Elettronica, con lo SPID oppure con il CNS+PIN;
  • cartaceo: è necessario mandare la richiesta tramite la compilazione del modulo apposito, da inviare via posta ordinaria all’indirizzo della Regione Lombardia (Casella Postale 11048 – 20124 Milano).

La convenienza della domiciliazione bancaria

Chiaramente gli automobilisti si chiedono se quest’opzione, oltre che comoda, sia anche conveniente. Infatti, oltre a consentire il pagamento automatico, evitando quindi ‘pericolose’ dimenticanze (con conseguenti more ed eventuali sanzioni, visto che il bollo auto deve essere pagato, per legge, ogni anno) e di dover uscire o pagare online, la domiciliazione bancaria della tassa di possesso del veicolo consente anche di risparmiare.

In genere infatti le regioni agevolano questo tipo di pagamento, offrendo uno sconto. Prendiamo nuovamente la Regione Lombardia come esempio: quest’opzione consente di ridurre l’importo da pagare del 15%. Un’altra regione che consente un trattamento molto simile a quello della Lombardia è la Campania, che concede a tutti coloro che scelgono la domiciliazione bancaria uno sconto del 10% sul prezzo originario.