Info Utili

Auto d’epoca e ruggine: come combatterla durante le stagioni più fredde

La ruggine è uno degli elementi più fastidiosi e antiestetici per la carrozzeria dell'auto. Ci sono però dei metodi per combatterla e anche per prevenirne la formazione

La ruggine è stata per decenni uno dei peggiori incubi dei proprietari d’auto, rovinava intere carrozzerie un tempo super brillanti, e non solo. Con il tempo si è riusciti però a combattere questo fenomeno così antiestetico (e non solo), grazie soprattutto ai moderni trattamenti preventivi che vengono fatti in sede di produzione direttamente dalle Case automobilistiche e anche grazie alla diffusione sempre più massiccia delle lamiere zincate. Quella che noi chiamiamo comunemente ruggine in realtà altro non è che, nel termine più appropriato, la corrosione dei lamierati; nonostante le nuove tecnologie, tecniche e strumentazioni, continua comunque ad essere un problema per le auto, soprattutto per i possessori di vetture storiche e/o d’epoca e durante le stagioni più fredde e umide.

Chiaramente è la continua esposizione del proprio veicolo agli agenti atmosferici che va a creare la ruggine sulla carrozzeria. Oggi vediamo insieme come si può combattere e eliminare questo fastidioso fenomeno che rovina le nostre vetture.

Ruggine sulla carrozzeria dell’auto: come toglierla

Esistono delle particolari lavorazioni (anche fai da te) che consentono al proprietario del mezzo, o chi per esso, di andare a eliminare tutta la ruggine dalla carrozzeria. Prima di procedere con i vari interventi però è importante coprire le parti dell’auto non interessate dal fenomeno della corrosione e sulle quali quindi non si andrà a lavorare.

Per farlo è possibile fissare con del nastro adesivo un telo, in modo che la polvere che si produce eliminando la ruggine non vada a rovinare le parti non intaccate e ancora in perfetto stato. La zona (o le zone) arrugginita deve essere scrostata pian piano. Cosa serve? Sarebbe meglio avere con sé una spazzola metallica a tazza per trapani, con cui passare le aree interessate, seguendo dei movimenti rotatori e soprattutto senza esercitare una pressione troppo elevata.

In realtà, in assenza di spazzola, è possibile procedere anche a mano, ovviamente in questo caso l’operazione è più faticosa. La ruggine deve essere eliminata completamente, quindi fate attenzione a controllare che non ne rimanga nemmeno un minimo residuo, se non volete che il rischio di ricomparsa sia più elevato.

Una volta tolta tutta la ruggine, rimane ben visibile il metallo della carrozzeria, su cui deve essere spalmato dello stucco non poroso, per passare poi alla successiva fase di levigatura. Procedete prima con della carta vetrata a grana fine, e poi con quella finissima, per avere una levigatura perfetta. Una volta trattata la superficie, deve essere ricoperta da uno strato sottile di vernice di fondo, che serve per far aderire meglio la vernice finale, oltre che a assicurare una presenza minore di umidità e quindi un minor rischio di formazione di ruggine.

Una volta coperte tutte le parti vicine a quelle che devono essere verniciate e quando la vernice di fondo è asciutta, allora si può procedere con la verniciatura finale, che deve essere passata mano a mano, in piccole quantità. L’azione deve essere ripetuta almeno tre o quattro volte, l’importante è che tra una fase e l’altra la vernice sia sempre ben asciutta.

Come prevenire la formazione di ruggine sull’auto: il graffitaggio

Si tratta di una tecnica che consente di lubrificare alcuni elementi dell’auto e proteggerli, in modo da prevenire la formazione della corrosione delle lamiere. Il graffitaggio interessa principalmente il sottoscocca e la meccanica del fondo dei veicoli. Come funziona? Viene applicato un prodotto particolare che contiene grafite e che, una volta asciutto, forma una pellicola isolante sulle lamiere. In questo modo si previene la formazione della ruggine, in particolare per tutti quei casi in cui le strade vengono cosparse di sale a causa del ghiaccio.