Info Utili

Alternatore dell’auto: che cos’è e a che cosa serve nello specifico

Tutte le info sull'alternatore auto: come funziona nello specifico e a cosa serve uno dei componenti fondamentali di ogni vettura

L’alternatore dell’automobile è un elemento fondamentale per il funzionamento di tutti i servizi elettrici di un veicolo. Si occupa principalmente del rilascio dell’energia elettrica. La sola batteria non sarebbe sufficiente per far funzionare la vettura e rischierebbe di scaricarsi nel giro di poco tempo. Per questo c’è bisogno dell’alternatore che consiste in un piccolo generatore di corrente alternata.

Cos’è l’alternatore di un’automobile?

Sostanzialmente l’alternatore è una macchina elettrica rotante basata sulla legge fisica dell’induzione elettromagnetica che converte l’energia meccanica fornita dal motore in energia elettrica sotto forma di corrente alternata. Questa conversione elettromeccanica dell’energia porta alla formazione di campi magnetici, i quali agiscono come mezzo intermedio.

Come funziona l’alternatore auto?

L’alternatore di un’auto entra in funzione nello stesso momento in cui si mette in moto e si avvia il motore della vettura. Attraverso la cinghia dei servizi si innesca il movimento del motore e la rotazione crea un campo elettromagnetico che induce forze elettromotrici negli avvolgimenti dello statore. Così facendo, l’alternatore fornisce energia elettrica sotto forma di corrente alternata: questa viene convertita in corrente continua da un raddrizzatore a diodi integrato proprio nell’alternatore, per poi essere immagazzinata nella batteria e consentire a tutti i sistemi elettrici a bordo di poter lavorare correttamente.

Si può affermare che l’alternatore non è altro che una dinamo capace di convertire l’energia meccanica fornita dal motore in energia elettrica che alimenta le componenti di un’auto. L’alternatore è costituito da due parti: una fissa, chiamata statore, e una mobile, il rotore che è collegato al volano del motore attraverso una cinghia.

Lo statore ha la forma di un cilindro cavo al cui interno è posizionato il rotore, solitamente a forma di stella. Su entrambe le componenti sono disposti dei conduttori elettrici che formano due circuiti distinti: quello sul rotore serve a creare un campo magnetico, mentre quello sullo statore funge da sede della forza elettromotrice indotta dal campo magnetico del rotore.

A cosa serve l’alternatore?

Senza alternatore una vettura non funzionerebbe: la macchina non riuscirebbe a partire perché la batteria non verrebbe ricaricata. Per questo motivo l’alternatore rappresenta una componente fondamentale di un veicolo. Il consiglio è quello di farlo controllare al massimo ogni 150.000 chilometri percorsi e fare sempre attenzione alla spia malfunzionamento batteria sul cruscotto che può segnalare sia un’anomalia al comparto batteria che all’alternatore.

Alternatore auto: cinghia e puleggia

Uno degli elementi fondamentali per il funzionamento dell’alternatore di un’automobile è la cinghia dei servizi: si tratta di una componente che trasforma il moto dell’albero motore e fa in modo di trasmetterlo a tutti gli altri servizi come l’alternatore, il compressore del climatizzatore e la pompa del servosterzo. La cinghia dei servizi alimenta l’alternatore che a sua volta ricarica la batteria: grazie a questa funzione è possibile avviare il motore, il pannello del cruscotto, i fari, i tergicristalli e l’impianto di climatizzazione.

Anche la puleggia è una componente importante per l’alternatore. La puleggia è un disco girevole collegato con la cinghia che consente di trasferire la rotazione dal motore agli altri apparati presenti nel veicolo. Grazie alla cinghia dei servizi, la puleggia consente all’alternatore di funzionare e di ricaricare la batteria. Esistono due varianti di puleggia: quella fissa, usata in passato sia per i motori a benzina che per quelli diesel, è costituita da un blocco metallico che trasmette la rotazione dal motore all’alternatore.

La puleggia a ruota libera, o frizionata, presenta al suo interno una frizione che permette all’alternatore di arrestarsi in maniera più dolce, riducendo sensibilmente le vibrazioni e la rumorosità del motore, facendo lavorare meglio la cinghia dei servizi e le altre componenti collegate.