Usato

Top Five Usato: meglio una monovolume piccola o compatta?

Cinque proposte del 2012 a meno di 15.000 euro: vince la Citroën C3 Picasso

Le monovolume sono la scelta più razionale per le famiglie che hanno bisogno di spazio: meglio acquistare quelle piccole o rinunciare a qualche accessorio e puntare su quelle compatte? Per scoprirlo abbiamo deciso nella “top five” di questo mese – vinta dalla Citroën C3 Picasso – di mettere a confronto cinque proposte turbodiesel del 2012 disponibili a meno di 15.000 euro.

Una sfida molto interessante che ha visto la MPV transalpina prevalere contro quattro rivali molto valide: la nostra Fiat 500L, la statunitense Ford C-Max, la coreana Hyundai ix20 e la tedesca Opel Meriva. Scopriamo insieme la classifica, che prende in considerazione modelli con potenze comprese tra 85 e 95 CV.

1° Citroën C3 Picasso 1.6 HDi 90 Exclusive 75 punti

Non è facile, purtroppo, trovare una Citroën C3 Picasso 1.6 HDi 90 Exclusive: la versione restyling della monovolume del Double Chevron arrivò infatti solo nell’ottobre del 2012. All’epoca costava parecchio (21.200 euro) e oggi le sue quotazioni recitano 10.800 euro.

Le dimensioni esterne compatte (4,08 metri di lunghezza) garantiscono un piacere di guida superiore a quello offerto dalle altre proposte di questa “top five” ma incidono negativamente sui centimetri a disposizione delle gambe dei passeggeri posteriori. Ben rifinita, vanta un motore silenzioso, scattante (13,4 secondi sullo “0-100”) e anche poco assetato di carburante.

2° Opel Meriva 1.3 CDTI 95 CV b-color  67 punti

La Opel Meriva 1.3 CDTI 95 CV b-color è una via di mezzo tra le monovolume piccole e compatte e può vantare le originali porte posteriori che si aprono in direzione opposta a quella di marcia. Si trova usata senza problemi a 10.900 euro.

Le note dolenti di questa vettura arrivano dal motore, povero di coppia (180 Nm) e un po’ troppo bevitore in città.

3° Ford C-Max 1.6 TDCi 95 CV    65 punti

Con i suoi 4,38 metri di lunghezza la Ford C-Max 1.6 TDCi 95 CV è la proposta più ingombrante del lotto: una cattiva notizia quando si parcheggia e quando si va dal benzinaio (21,7 km/l) ma buona per chi  trasporta spesso oggetti e persone. Il divano posteriore accoglie comodamente tre passeggeri (che hanno oltretutto a disposizione tanti centimetri nella zona delle gambe) e il bagagliaio è immenso in configurazione a due posti.

I difetti principali? Le finiture poco curate fuori e dentro e la dotazione di serie povera (cerchi in lega e fendinebbia erano optional). L’unica vettura della “cinquina” a non essere guidabile dai neopatentati è facile da rintracciare e le sue quotazioni recitano 12.200 euro.

4° Fiat 500L 1.3 Multijet Lounge    64 punti

Avere il motore meno potente del lotto (85 CV) non aiuta la Fiat 500L 1.3 Multijet Lounge ad offrire prestazioni vivaci (165 km/h di velocità massima e 14,9 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari). Il propulsore offre una buona spinta ai bassi regimi ma va detto che è un po’ troppo rumoroso a freddo.

La piccola monovolume torinese – che si trova senza problemi di seconda mano a 15.000 euro – ha un bagagliaio più piccolo e meno sfruttabile di quello delle rivali ma chi si accomoda dietro ha parecchio spazio nella zona della testa.

5° Hyundai ix20 1.4 CRDi 90 CV Style   62 punti

La garanzia ancora valida fino al 2017 e il bagagliaio capiente sono i due punti di forza principali della Hyundai ix20 1.4 CRDi 90 CV Style: la MPV asiatica non è il massimo dell’agilità nelle curve e il peso elevato del corpo vettura incide negativamente sui consumi (in particolar modo quelli nel ciclo extraurbano).

I passeggeri posteriori più alti, infine, potrebbero desiderare qualche centimetro in più nella zona della testa. Da nuova costava poco (20.250 euro), oggi bastano 12.300 euro per acquistarla.

Archivio

Fiat 500L Beats Edition, il video ufficiale

La nuova variante della monovolume italiana

Auto Story

La storia delle Citroën Picasso a cinque posti

L'evoluzione delle monovolume piccole e compatte del Double Chevron

Auto Story

Ford C-Max, la storia

Due generazioni e undici anni di carriera