Usato

Maserati Quattroporte S (2010): pregi e difetti dell’ammiraglia sportiva del Tridente

di Marco Coletto -

La Maserati Quattroporte S era, nel 2010, la variante più equilibrata della quinta generazione dell’ammiraglia del Tridente: oggi si trova facilmente a meno di 30.000 euro

La Maserati Quattroporte S era la variante più equilibrata della quinta generazione dell’ammiraglia del Tridente: una giusta via di mezzo tra la “base” e la cattiva GT S. Oggi analizzeremo un esemplare del 2010 della grintosa berlinona emiliana, facile da trovare usata a meno di 30.000 euro: scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

I pregi della Maserati Quattroporte S del 2010

Finiture

I materiali pregiati non mancano ma gli assemblaggi imprecisi deludono. Senza dimenticare l’abuso di plastiche…

Dotazione di serie

Ricca: autoradio, cambio automatico, cerchi in lega, climatizzatore, fari allo xeno, fendinebbia, navigatore, retrovisori ripiegabili elettricamente, sedili anteriori regolabili elettricamente, sedili in pelle e sensori di parcheggio.

Posto guida

La posizione di seduta bassa aumenta la sensazione di sportività ma c’è poco spazio per i guidatori più alti. Comandi non molto ergonomici.

Climatizzazione

Impianto potente ed efficace, pulsanti posizionati troppo in basso.

Sospensioni

Le sospensioni attive sono adatte a qualsiasi situazione: soft quando si cerca il comfort, più rigide quando ci si vuole divertire.

Rumorosità

Il V8 della Maserati Quattroporte S sa essere garbato ma quando si scatena regala sinfonie celestiali.

Cambio

La trasmissione automatica (convertitore di coppia) a sei rapporti regala passaggi marcia fluidi.

Sterzo

Difficile trovare un comando più reattivo nel segmento delle ammiraglie.

Prestazioni

280 km/h di velocità massima e 5,4 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari: non male.

Dotazione di sicurezza

C’è tutto quello che serve: airbag frontali, laterali e a tendina, attacchi Isofix e controlli di stabilità e trazione.

Visibilità

La coda sporgente non aiuta (difetto comune a tutte le ammiraglie): per fortuna i sensori di parcheggio posteriori erano di serie.

Freni

L’impianto convince, soprattutto quando viene usato in modo intenso.

I difetti della Maserati Quattroporte S del 2010

Abitabilità

I passeggeri posteriori più alti hanno pochi centimetri a disposizione nella zona della testa.

Capacità bagagliaio

Il vano è piccolo (450 litri) e oltretutto ha una forma poco regolare.

Motore

Il propulsore 4.7 V8 Euro 5 della Maserati Quattroporte S è un’unità aspirata a benzina molto potente (430 CV) che potrebbe deludere chi è abituato ai propulsori sovralimentati: la spinta ai bassi regimi c’è ma non è immediata (le cose migliori arrivano sopra i 5.000 giri) ed esistono rivali turbo con più coppia (490 Nm non sono molti).

Tenuta di strada

La Maserati Quattroporte S è un’ammiraglia piacevole da guidare incollata all’asfalto: con qualche chilo in meno sarebbe perfetta.

Prezzo

Da nuova nel 2010 la Maserati Quattroporte S costava tantissimo (125.657 euro): oggi si trova facilmente a 26.900 euro, poco piu di una BMW 118i 3p. appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Le quotazioni sono destinate a scendere ancora in futuro. La più potente GT S ha maggiori possibilità di diventare un’auto d’epoca.

Consumo

Gli otto cilindri della Maserati Quattroporte S bevono come spugne: 6,4 km/l dichiarati.

Garanzie

La copertura globale è terminata nel 2013.