Usato

Mahindra XUV500 (2014): pregi e difetti della SUV indiana

Pregi e difetti della Mahindra XUV500 del 2014, una SUV indiana a 7 posti con quotazioni basse (ma difficile da trovare)

La Mahindra XUV500 è una SUV turbodiesel a 7 posti molto interessante. Di seguito analizzeremo i pregi e i difetti della versione “base” W6 a trazione anteriore del 2014 della crossover indiana.

I pregi della Mahindra XUV500 del 2014

Abitabilità

Difficile trovare una SUV così spaziosa e così economica: sette posti molto comodi. Perfetta per una famiglia.

Dotazione di serie

L’allestimento “entry level” W6 della Mahindra XUV500 è ricco: alzacristalli elettrici posteriori, autoradio Bluetooth CD MP3 USB, cerchi in lega, climatizzatore automatico bizona, cruise control, fendinebbia, interni in pelle e sensori di parcheggio posteriori.

Capacità bagagliaio

Come tutte le SUV a 7 posti non troppo ingombranti anche la Mahindra XUV500 ha un vano piccolo con tutti i sedili occupati che diventa immenso in modalità 5 o 2 posti.

Posto guida

Si domina la strada ma i comandi della consolle centrale sono posizionati un po’ troppo in basso.

Climatizzazione

L’impianto automatico bizona è penalizzato solo da bocchette troppo piccole.

Sospensioni

Gli ammortizzatori soffici della Mahindra XUV500 regalano un comfort eccellente nei lunghi viaggi.

Rumorosità

Tutto sommato buona: la concorrenza cinese è più “ruvida”.

Motore

Il 2.2 turbodiesel Euro 5 da 140 CV e 330 Nm di coppia della Mahindra XUV500 è un propulsore che regala una risposta corposa già sotto i 2.000 giri.

Cambio

Trasmissione manuale a sei marce e pedale della frizione leggero: difficile chiedere di più.

Sterzo

Il comando della Mahindra XUV500 è abbastanza reattivo.

Prestazioni

Adeguate al tipo di vettura: 180 km/h di velocità massima e 12,5 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Prezzo

Da nuova nel 2014 la Mahindra XUV500 “base” costava poco (18.939 euro), oggi è introvabile (più facile rintracciare le AWD a trazione integrale) e le sue quotazioni recitano 11.000 euro. Poco meno di una Fiat Panda “base” (la 1.2 Pop) appena uscita dal concessionario.

Consumo

Onesto: 15,4 km/l dichiarati.

Garanzia

La copertura globale terminerà nel 2019 (a meno che non siano già stati percorsi più di 100.000 km).

I difetti della Mahindra XUV500 del 2014

Finitura

Non eccezionale: troppe imprecisioni alla voce “assemblaggi” e materiali migliorabili.

Dotazione di sicurezza

L’allestimento “base” W6 è carente in questa voce: airbag frontali, controlli di stabilità e trazione, controllo della velocità in discesa e sistema antiarretramento in salita.

Visibilità

Il lunotto piccolo non aiuta nelle manovre: per fortuna i sensori di parcheggio sono di serie.

Freni

Così così.

Tenuta di strada

La Mahindra XUV500 non nasce per fare le corse: nelle curve prese a velocità sostenuta emergono un sottosterzo evidente e un rollio marcato.

Tenuta del valore

Le SUV turbodiesel piacciono e anche i sette posti sono richiesti sul mercato dell’usato: peccato per il marchio poco blasonato e per la presenza della sola trazione anteriore.

Scopri tutto il listino Mahindra.