Usato

BMW 220d xDrive Gran Tourer (2018): pregi e difetti della monovolume tedesca

di Marco Coletto -

Sette posti, trazione integrale, cambio automatico e un potente motore turbodiesel da 190 CV: difficile trovare in commercio una monovolume più completa della BMW 220d xDrive Gran Tourer. Se fosse più spaziosa sarebbe perfetta

La monovolume perfetta non esiste ma la BMW serie 2 Gran Tourer ci va molto vicino, specialmente nella versione turbodiesel “top” 220d xDrive. Sette posti (non comodissimi, a dire il vero), trazione integrale, cambio automatico e un potente motore turbodiesel da 190 CV: oggi analizzeremo un esemplare del 2018 della MPV bavarese nell’allestimento Sport, introvabile (più facile rintracciare le più ricche Msport) e con quotazioni che superano i 35.000 euro. Scopriamo insieme i suoi pregi e difetti.

I pregi della BMW 220d xDrive Gran Tourer del 2018

Dotazione di serie

La BMW 220d xDrive Gran Tourer Sport è abbastanza completa: autoradio Aux Bluetooth USB, bagagliaio con apertura automatica, cerchi in lega, climatizzatore automatico bizona, cruise control, fari full LED, fendinebbia, sedili posteriori scorrevoli, sensore luci, sensore pioggia e sensori di parcheggio.

Capacità bagagliaio

Il vano è piccolo quando si viaggia in sette, ampio in configurazione a cinque posti e meno sfruttabile di quello delle rivali in modalità due posti.

Posto guida

Sedile comodo e comandi ergonomici (tranne quelli del climatizzatore).

Climatizzazione

L’impianto automatico bizona è potente ed efficace ma i pulsanti sono posizionati troppo in basso.

Sospensioni

La taratura tendente al soft degli ammortizzatori garantisce un buon comfort nei lunghi viaggi.

Rumorosità

Motore silenzioso e abitacolo ottimamente insonorizzato.

Motore

Il 2.0 turbodiesel Euro 6d-Temp della BMW 220d xDrive Gran Tourer è molto potente (190 CV) e genera una coppia di 400 Nm.

Cambio

La trasmissione automatica a 8 rapporti (convertitore di coppia) regala passaggi marcia rapidi e fluidi: difficile trovare di meglio nel segmento.

Sterzo

Sensibile e preciso: l’ideale per chi vuole divertirsi.

Prestazioni

Molto vivaci: 218 km/h di velocità massima e 8 secondi per accelerare da 0 a 100 chilometri orari.

Visibilità

La BMW serie 2 Gran Tourer è facile da parcheggiare: merito delle dimensioni esterne relativamente contenute (4,57 metri di lunghezza) e delle ampie superfici vetrate.

Freni

Potenti.

Tenuta di strada

Incollata all’asfalto e coinvolgente nelle curve: probabilmente la monovolume a 7 posti più divertente di sempre.

Prezzo

Da nuova nel 2018 la BMW 220d xDrive Gran Tourer Sport costava 45.100 euro. Oggi è introvabile (la maggioranza dei clienti ha preferito spendere qualcosa in più per le varianti Msport) e le sue quotazioni recitano 36.000 euro: poco meno di una BMW 216d Gran Tourer Sport appena uscita dal concessionario.

Tenuta del valore

Le monovolume a 7 posti sono sempre molto richieste sul mercato dell’usato, ancora di più se hanno (come nel caso della BMW 220d xDrive Gran Tourer) il cambio automatico, la trazione integrale e un marchio blasonato.

Consumo

Decisamente basso: 20,4 km/l dichiarati.

Garanzie

La copertura globale terminerà nel 2020.

I difetti della BMW 220d xDrive Gran Tourer del 2018

Abitabilità

Lo spazio non è il punto di forza della BMW serie 2 Gran Tourer: i posti sono sette ma quelli della terza fila sono scomodi (stiamo d’altronde parlando di un’auto lunga solo 4,57 metri).

Finitura

Qualche imprecisione di troppo negli assemblaggi.

Dotazione di sicurezza

Airbag frontali, laterali e a tendina, attacchi Isofix e controlli di stabilità e trazione. Tutto il resto si pagava (e si paga ancora) a parte.