Auto d'epoca

Panhard CD (1963): aerodinamica e leggerezza

La Panhard CD è un'esclusiva coupé a trazione anteriore leggera (peso inferiore a 600 kg), aerodinamica e rara (circa 180 esemplari prodotti)

La Panhard CD – prodotta dal 1963 al 1965 in circa 180 esemplari – è un’esclusiva coupé a trazione anteriore che presenta due punti di forza da non sottovalutare: il peso contenuto (meno di 600 kg) e l’aerodinamica curatissima. In Francia si trova ma costa parecchio: non meno di 100.000 euro.

Panhard CD (1963): le caratteristiche principali

La Panhard CD – presentata al Salone di Parigi del 1962 e commercializzata tra il 1963 e il 1965 – prende il suo nome dalle iniziali del progettista Charles Deutsch (ingegnere francese noto per aver fondato la Casa automobilistica DB, attiva fino al 1961 e specializzata nella realizzazione di sportive leggere e aerodinamiche).

La coupé francese pesa pochissimo – meno di 600 kg, merito anche della carrozzeria in vetroresina – e ha un design aerodinamico impreziosito dalla presenza di due gobbe sul tetto.

Panhard CD (1963): la tecnica

Il motore della Panhard CD è un 848 cc a due cilindri contrapposti raffreddato ad aria disponibile in due varianti di potenza (50 CV per la GT e 60 CV per la Rallye dotata di due carburatori). Un propulsore non particolarmente vivace, nonostante il peso contenuto della vettura (dotata di sospensioni a quattro ruote indipendenti).

Panhard CD (1963): le quotazioni

Non fatevi ingannare dalle quotazioni ufficiali della Panhard CD: per entrare in possesso della sportiva transalpina (rintracciabile solo in Francia) bisogna sborsare almeno 100.000 euro. Una cifra a nostro avviso elevata in rapporto ai contenuti tecnici offerti e giustificata solo dalla rarità del modello.