Auto Story

Dalla Atos alla i10, la storia delle citycar Hyundai

di Marco Coletto -

Piccole, spaziose e simpatiche

Hyundai Atos

Da quindici anni le citycar Hyundai accompagnano gli automobilisti che cercano un mezzo piccolo, spazioso ed economico da gestire. Il modello attualmente in commercio, la i10, debutta nel 2007: le forme simili a quelle di una monovolume e le cinque porte offrono tanti centimetri ai passeggeri e alle valigie.

Svelata al Salone di New Delhi, prodotta in India e realizzata sul pianale opportunamente modificato della cugina Kia Picanto, ha una gamma motori al lancio che comprende due 1.1: un benzina da 66 CV e un turbodiesel CRDi da 75 CV. Nel 2008 arriva un 1.2 a benzina da 78 CV.

Il restyling del 2011 porta una mascherina più aggressiva, interni rinnovati, un cruscotto ridisegnato e cerchi in lega inediti. Senza dimenticare l’arrivo del propulsore 1.2 a benzina da 85 CV. L’attuale gamma dei propulsori è composta da tre unità a benzina (1.0 da 69 CV, 1.1 da 69 CV e 1.2 da 85 CV) e da un 1.1 a GPL da 69 CV.

Scopriamo insieme l’evoluzione delle vetture da città coreane.

Atos (1997)

Spaziosissima: merito della carrozzeria alta, delle cinque porte e di un design tanto funzionale quanto originale (pure troppo, secondo alcuni). Un motore al lancio: un 1.1 da 54 e 58 CV.

Atos Prime (1999)

Realizzata sullo stesso pianale della Atos, è più bassa e presenta un design più piacevole e interni meglio rifiniti. Monta gli stessi motori della sorella (con l’aggiunta di un 1.1 da 58 e 63 CV) e subisce un restyling nel 2004.

Leggi l'articolo su Icon Wheels