Amarsport

March 711: la prima F1 di Niki Lauda

Design originale e motori Ford e Alfa Romeo per la seconda monoposto di sempre della scuderia britannica

La March 711 non ha mai vinto un GP di F1 valido per il Mondiale ma è indubbiamente una delle monoposto più originali mai scese in pista. Scopriamo insieme la storia della vettura britannica, la prima guidata nel Circus da Niki Lauda.

March 711: la storia

La March 711 – sviluppata per correre il Mondiale F1 1971 – è la seconda monoposto sviluppata dalla scuderia britannica e ha il duro compito di raccogliere l’eredità della 701, capace di conquistare l’anno prima al debutto una vittoria e il terzo posto a sorpresa nel campionato Costruttori.

Inizialmente i tecnici del team inglese pensano di puntare sul motore 3.0 V8 Alfa Romeo ma dopo aver visto le scarse prestazioni del propulsore del Biscione (unite ad un’affidabilità non eccezionale) viene deciso di ritornare al robusto tre litri V8 Ford Cosworth. Gli unici risultati importanti ottenuti da questa monoposto arriveranno proprio grazie a quest’ultima unità.

1971

La March 711 debutta nel Mondiale F1 1971 nel GP del Sudafrica con tre piloti: il nostro Andrea de Adamich, lo svedese Ronnie Peterson (10° al traguardo) e lo spagnolo Alex Soler-Roig.

Le prime soddisfazioni arrivano a Monte Carlo, nel terzo appuntamento iridato, con il secondo posto a sorpresa di Peterson: primo podio per la monoposto inglese e primo piazzamento in “top 3” per il talento scandinavo.

Ronnie torna sul podio con la March 711 in Gran Bretagna (2°) mentre in Austria debutta un giovane pilota locale (un certo Niki Lauda) destinato alla grandezza. In Italia Peterson arriva secondo dietro alla BRM del britannico Peter Gethin nel GP più combattuto della storia della F1: un centesimo di secondo di distacco tra i primi due e i primi cinque piloti racchiusi in poco più di sei decimi.

Peterson continua a sfiorare il successo (secondo in Canada e terzo negli USA) senza però mai riuscire a salire sul gradino più alto del podio. La March chiude il Mondiale F1 1971 in quarta posizione (stessi punti della Ferrari, terza, ma con meno vittorie all’attivo) e Ronnie secondo nel campionato Piloti e primo tra gli “umani” considerando il dominio assoluto di Jackie Stewart con la Tyrrell.

1972

Nel 1972 la March 711 – mandata in pensione dal team ufficiale – viene affidata a scuderie private e riesce ad andare a punti in due occasioni grazie al driver brasiliano Carlos Pace (6° in Spagna e 5° in Belgio).

Formula 1

F1: i piloti più vincenti degli anni '70

Americani, europei e africani: il Circus diventa globale