Amarsport

125 S: la prima Ferrari di sempre

La 125 S è la prima Ferrari di sempre: una sportiva V12 che ha regalato le prime vittorie alla Casa di Maranello

La prima Ferrari di sempre è la 125 S, un’auto da corsa nata nel 1947 che ha regalato alla Casa di Maranello le prime vittorie. Oggi non esiste più (gli unici due esemplari prodotti sono stati “cannibalizzati” da altre vetture del Cavallino all’inizio degli anni ’50) e quella che si vede nelle occasioni speciali non è altro che una replica. Scopriamo insieme la storia di una delle auto italiane più importanti mai costruite.

Ferrari 125 S: la storia

Con il debutto della 125 S nel 1947 inizia ufficialmente la storia della Ferrari come Casa automobilistica. Realizzata in soli due esemplari, monta un raffinatissimo motore 1.5 V12 da 118 CV con tre carburatori abbinato ad un cambio manuale a cinque marce che permette alla sportiva di Maranello di raggiungere una velocità massima di 210 km/h.

Un propulsore dodici cilindri leggendario che verrà usato come base per il motore 125 F1 montato dalla prima monoposto Ferrari di F1: la 125. Un’auto che riuscirà a salire sul podio alla prima apparizione di sempre nel Circus (il GP di Monte Carlo 1950) grazie al secondo posto di Alberto Ascari.

Ferrari 125 S: la carriera sportiva

La prima gara della storia che vede un’auto marchiata Ferrari al via si disputa l’11 maggio 1947 sul circuito di Piacenza: due vetture vengono affidate a Franco Cortese e a Giuseppe Farina (che diventerà il primo campione del mondo nella storia della F1). Quest’ultimo danneggia la propria vettura durante le prove mentre Cortese è costretto al ritiro in gara per un problema meccanico.

La prima vittoria di sempre di una Ferrari arriva il 25 maggio a Roma con Cortese (che trionfa anche il 15 giugno a Vigevano). L’ultimo successo della 125 S risale invece al 13 luglio quando un certo Tazio Nuvolari porta la sportiva di Maranello sul gradino più alto del podio a Parma mentre l’ultima corsa della prima Rossa di sempre viene disputata il 24 agosto a Livorno.