Archivio

Volkswagen I.D. Crozz

di Junio Gulinelli -

Il terzo prototipo della gamma elettrica di Volkswagen. Al debutto al Salone di Shanghai 2017

Volkswagen ID Crozz Concept 2017

La Casa di Wolfsburg prosegue con la sua offensiva di veicoli elettrici. Dopo i prototipi I.D. (Salone di Parigi 2016) e I.D. Buzz (Detroit 2017), il marchio tedesco svela al Salone di Shanghai 2017 la concept car I.D. Crozz.

La terza variante dell’elettrica basata sulla piattaforma Meb (attorno a cui verranno costruiti i futuri veicoli a zero emissioni del Gruppo Volkswagen) è una SUV dalle linee coupé, a 4 posti indipendenti e con portiere posteriori scorrevoli che facilitano l’accesso all’abitacolo.

Lunga 4,62 metri, con un passo di 2,77 metri, larga 1,89 metri e alta 1,60, vanta un portabagagli da 515 litri e un’altezza da terra generosa che, insieme alla trazione integrale fornita dai due motori elettrici, uno per ogni asse, la rendono adatta all’uso su strada e fuoristrada.

Il tetto panoramico lascia entrare molta luce all’interno dell’abitacolo ma con un semplice gesto lo si può oscurare limitando l’accesso dei raggi del sole. Rispetto alle altre concept car della gamma I.D., la Crozz non porta grandi novità; c’è sempre il sistema di infotainment interamente controllabile attraverso i comandi gestuali, sulla plancia sono montati due schermi da 5,8 e 10,2 pollici ai quali si aggiunge un head-up display con realtà aumentata. E inoltre la Volkswagen I.D. Crozz è anche un’auto a guida autonoma, con il volante che rientra all’interno della plancia quando si imposta il pilota automatico.

Il powertrain di questo prototipo è composto da due motori elettrici disposti ognuno sui due assi per un totale di 306 CV (probabilmente lo stesso della Skoda Vision E Concept), con batterie da 75 kW in grado di garantire 500 km di autonomia e una velocità massima di 180 km/h. La batteria si ricarica all’80% in circa mezz’ora attraverso il sistema a induzione e la distribuzione dei pesi è ripartita al 48% all’anteriore e al 52% al posteriore.

Leggi l'articolo su Icon Wheels