Archivio

Valentino Rossi: “Silverstone, buon risultato. Ma per il mondiale la vedo scura…”

di Francesco Irace -

Le parola di Valentino Rossi dopo il podio in Gran Bretagna

È un Valentino Rossi piuttosto soddisfatto quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport MotoGP nel dopo gara di Silverstone, dodicesimo appuntamento della MotoGP 2017. È contento del risultato, leggermente rammaricato per il finale e poco fiducioso in vista della lotta al titolo.

Sono contento per il risultato

“Non posso non essere contento. È stato un weekend positivo per me e per la squadra. Siamo stati veloci sin da subito e sono riuscito a guidare molto bene per quasi tutta la gara, imponendo un ottimo ritmo. Certo dopo tutta la gara davanti inizi ad assaporare la vittoria, ma purtroppo negli ultimi giri soffro ancora un po’ con la gomma posteriore e sono stato costretto a rallentare. Il mio ritmo è calato di circa 4 decimi, così mi hanno sorpassato”.

È passata la bufera?

“Abbiamo fatto uno step avanti già nei test di Misano e qui da venerdì siamo stati subito veloci. Ma non siamo ancora a posto. Abbiamo fatto un passo avanti ma manca ancora qualcosa. Noi sappiamo benissimo quali sono i nostri problemi e io farò il massimo per lavorare insieme a Yamaha per poter risolvere tutto entro la fine di questa stagione”.

Per il mondiale la vedo scura

“È vero, la classifica è corta, sono quarto a soli 26 punti dal primo (Dovizioso, ndr), ma per il mondiale la vedo scura. Quelli davanti sono molto veloci e io ho ancora un po’ di problemi da risolvere. Non è solo una questione di gomme, Michelin ha portato qui tre gomme che funzionavano molto bene. Vinales non mi è arrivato davanti perché aveva una gomma diversa, ma perché la stressa di meno per via delle sue caratteristiche fisiche”.

Capisco Marquez, è successo anche a me al Mugello

“Tra le gare che aspetto con ansia c’è sicuramente Misano. Sia perché è la prossima e sia perché corro in casa. Ma le ultime mi piacciono tutte. Spero di essere forte e di poter lottare per il podio sempre. Capisco Marquez perché mi è successo al Mugello, crocevia del mio mondiale, e dispiace perché succede poche volte. Non siamo lontani ma per il mondiale, ripeto, credo sia difficile”, ha concluso Valentino Rossi.