Archivio

Renault Energy F1-2014: un nuovo motore per una nuova Formula 1

di Marco Coletto -

Tutti i dettagli del propulsore V6 che equipaggerà la Red Bull (e non solo) dal prossimo anno

Energy F1-2014 è il nome scelto dalla Renault per il nuovo motore 1.6 turbo V6 che verrà utilizzato a partire dal Mondiale F1 2014. L’erede del propulsore che ha permesso a Sebastian Vettel e alla Red Bull di conquistare sei titoli iridati negli ultimi tre anni si differenzia notevolmente dai V8 attualmente in attività.

Nonostante la riduzione del numero di cilindri (da otto a sei) la potenza sarà più elevata: 600 CV più altri 160 ottenuti da un’unità elettrica. I consumi caleranno invece del 35% in modo da soddisfare i nuovi regolamenti che non permetteranno di “stivare” nel serbatoio più di 100 kg di benzina.

Per il momento le uniche due squadre certe di montare il prossimo anno il motore Renault Energy F1-2014 sono la Red Bull e la Toro Rosso: nei prossimi mesi, però, dovrebbero aggiungersi all’elenco Lotus e Caterham.

I motori Renault possono vantare diversi primati in F1: maggior numero di vittorie in una sola stagione (16 con la Willliams nel 1992), pole position consecutive (24 tra il GP di Francia del 1992 e il GP del Giappone 1993), prime file occupate (103) e prime file consecutive (39 tra il GP d’Italia 1995 e quello d’Europa del 1997).

Senza dimenticare i 10 Mondiali Piloti (1992, 1993, 1995-1997, 2005, 2006, 2010-2012) ottenuti da Sebastian Vettel (3), Fernando Alonso (2), Nigel Mansell, Alain Prost, Michael Schumacher e Jacques Villeneuve, gli 11 titoli Costruttori (1992-1997, 2005, 2006, 2010-2012) firmati Williams (5), Red Bull (3), Renault (2) e Benetton, le 155 vittorie, le 205 pole position, i 156 migliori giri e le 50 doppiette.

Sport

Mark Webber: una vita da mediano

Storia del pilota australiano della Red Bull, vincente ma non troppo

Formula 1

Sebastian Vettel, l'uomo dei record

Storia del tre volte Campione del Mondo F1, detentore di numerosi primati

Archivio

Mondiale F1 2013 - GP del Canada, risultati e classifiche

Il pilota tedesco della Red Bull riesce a vincere, come da noi previsto, anche su una pista "maledetta"