Archivio

Nissan Qashqai 2014, la prova su strada

di Michele Neri -

Si rinnova il SUV compatto giapponese: stesse qualità, e un design più raffinato. Ecco come va...

Quella della Nissan Qashqai è stata finora una carriera di sette anni.

Una carriera di successo: dal suo debutto a ora, il SUV compatto di Nissan si è dimostrato un vero e proprio best-seller, diventando addirittura la seconda vettura più venduta nel segmento C (nel 2009).

Ora la Qashqai si rinnova, con un look più grintoso e caratterizzato da linee pulite e spigolose, ma in continuità con la Qashqai di prima generazione.

Larghezza e lunghezza sono aumentate, mentre l’altezza è diminuita donando alla SUV un aspetto più muscoloso e (relativamente) più sportivo.

Buona è anche la qualità degli interni, con finiture curate (anche nella versione Acenta, intermedia, protagonista della nostra prova).

A proposito della prova: la Nissan Qashqai sotto esame presentava un motore 1.2 da 116CV, silenzioso ed economico (anche se non nei consumi). Si sente giusto la mancanza di un po’ di coppia nel caso si volesse imboccare l’autostrada.

Oltre alla 1.2 a benzina ci sono due versioni turbodiesel: 1.5 da 110 CV e 1.6 da 130 CV, quest’ultima l’unica disponibile anche con trazione 4×4.