Archivio

MotoGP 2013, Qatar: Lorenzo domina la gara, ma Valentino torna a dare spettacolo

di Francesco Irace -

Non poteva iniziare in maniera migliore la MotoGP 2013, che in Qatar vede trionfare Jorge Lorenzo, seguito da uno strepitoso e ritrovato Valentino Rossi e dall’esordiente Marc Marquez.

Due Yamaha davanti a una Honda: questo dunque l’esito della prima ed emozionantissima gara della stagione.

Lorenzo domina tutta la gara

Lorenzo c’è, è sul pezzo, e ha voluto chiarirlo sin dal primo round. Partito benissimo, il campione del mondo in carica della MotoGP ha iniziato a martellare sin dai primi giri.

Non ha commesso errori, non ha mollato un centimetro: ha gareggiato praticamente da solo, staccando tutti con una facilità disarmante, grazie alla sua grande esperienza e alla sua guida a dir poco perfetta.

D’altronde la pole conquistata sabato già faceva presagire un risultato simile. E le aspettative non sono state affatto deluse.

Sarà senza dubbio presto per fare pronostici, il Motomondiale è appena iniziato, ma una cosa è già certa: strappare il titolo al majorchino non sarà assolutamente una cosa semplice.

Bentornato Valentino

Lorenzo è stato magistrale, è vero. Ma lo spettacolo in Qatar l’ha dato Valentino Rossi. Dopo “due anni di astinenza” è salito sulla Yamaha M1 ritrovando il feeling di sempre e l’entusiasmo di un bambino.

È tornato a lottare per le primissime posizioni e chissà cosa avrebbe fatto senza quell’errore commesso nel secondo giro (sorpasso su Dovizioso e contatto con Pedrosa) che lo ha visto poi retrocedere fino al settimo posto.

Archiviato lo spavento dovuto alla manovra sbagliata, Valentino ha iniziato a migliorare giro dopo giro dando vita ad una rimonta di quelle che da troppo tempo non eravamo più abituati a vedere: da settimo a secondo, con un duello nel finale con Marquez al cardiopalma.

Sorrisi, pugni alzati verso il cielo e poi sul podio. Nuovamente. Insomma, un gran bel modo di “ricominciare”.

Marc Marquez, tanta roba

Non è stato però il solo fenomeno della giornata, Valentino. Sul gradino più basso del podio è finito Marc Marquez: alla sua prima gara in MotoGP, lo spagnolo ha mostrato tanta grinta – come è d’obbligo da parte di un esordiente – ma anche tanta razionalità.

Non ha commesso errori,. ha aspettato il momento giusto prima di sorpassare Crutchlow, e lo stesso ha fatto prima di sverniciare il suo compagno di squadra Pedrosa.

E non ha rischiato quando ha visto che il duello con Valentino Rossi poteva finire male, se avesse azzardato manovre al limite. Esordiente si, ma già abbastanza maturo. Per lui, dunque, un ottimo terzo posto. Ed è solo l’inizio.

Pedrosa solo quarto. Bene Crutchlow, settimo Dovizioso

Solo un quarto posto per Daniel Pedrosa. Lo spagnolo non ha mai brillato in questo week end e ad una manciata di giri al termine della gara ha ceduto la posizione al suo compagno di squadra Marquez (lasciandolo passare, a differenza di come aveva fatto in qualifica chiudendogli la strada), nettamente più in palla.

Buona anche la prova di Cal Crutchlow, che finchè ha potuto ha marciato su ottimi tempi. Si è invece piazzato settimo Andrea Dovizioso, alle spalle di Bautista. Il pilota forlivese nei primi giri sembrava in grado di stare con il gruppetto dei primi, ma pian piano ha dovuto rallentare: la Ducati ha fatto sicuramente passi avanti, soprattutto nel giro secco, ma sul passo gara non ha raggiunto ancora un livello di competitività elevato.

Dietro il Dovi gli altri due ducatisti Hayden e Iannone. Tra le CRT – di fatto un mondiale a parte – l’ha spuntata Espargarò.

Risultati e classifiche dopo la gara di Losail (Qatar)

1 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 166.4 42’39.802

2 Valentino ROSSI ITA Yamaha Factory Racing Yamaha 166.0 +5.990

3 Marc MARQUEZ SPA Repsol Honda Team Honda 166.0 +6.201

4 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 165.8 +9.473

5 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 165.2 +18.764

6 Alvaro BAUTISTA SPA GO&FUN Honda Gresini Honda 165.0 +22.148

7 Andrea DOVIZIOSO ITA Ducati Team Ducati 164.8 +24.355

8 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 164.8 +24.920

9 Andrea IANNONE ITA Energy T.I. Pramac Racing Ducati 164.0 +37.124

10 Ben SPIES USA Ignite Pramac Racing Ducati 163.5 +44.908

11 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 163.2 +49.809

12 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 162.8 +56.495

13 Hector BARBERA SPA Avintia Blusens FTR 162.0 +1’09.599

14 Yonny HERNANDEZ COL Paul Bird Motorsport ART 161.9 +1’10.742

15 Hiroshi AOYAMA JPN Avintia Blusens FTR 161.8 +1’13.600

16 Claudio CORTI ITA NGM Mobile Forward Racing FTR Kawasaki 160.8 +1’29.444

17 Michael LAVERTY GBR Paul Bird Motorsport PBM 160.5 +1’34.341

18 Lukas PESEK CZE Came IodaRacing Project Ioda-Suter 160.5 +1’34.683

Classifica piloti

1 Jorge LORENZO 25

2 Valentino ROSSI 20

3 Marc MARQUEZ   16

4 Dani PEDROSA  13

5 Cal CRUTCHLOW 11

6 Alvaro BAUTISTA 10

Classifica costruttori

1 YAMAHA 25

2 HONDA 16

3 DUCATI 9

4 ART 5

5 FTR 3

Foto: motogp.com