Archivio

MotoGP 2012 – Risultati e classifiche dopo il GP di Motegi (Giappone)

di Francesco Irace -

Quella di Motegi, quartultima tappa della MotoGP 2012, non sarà di certo una gara memorabile per spettacolo ed emozioni. Pochi sorpassi, nessun colpo di scena. Ma ci avvicina inesorabilmente ad un finale di stagione (forse) un po’ meno scontato del previsto. Vince Pedrosa, davanti a Lorenzo, con un ottimo Bautista sul gradino più basso del podio tutto spagnolo.

Lorenzo-Pedrosa, 28 punti tra i due a tre gare dal termine

La bagarre in pista tra i due aspiranti al titolo non offre grandi spunti. Lorenzo parte come un razzo, ma a metà gara Pedrosa lo punta, lo sorpassa in staccata in fondo al rettilineo e il gioco è fatto.

Sono più di quattro i decimi che separeranno lo spagnolo dal majorchino alla bandiera a scacchi; mentre il gap tra i due nella classifica piloti si abbassa da 33 a 28. È dunque un Pedrosa in grande forma quello che insegue la vetta in questo finale di stagione, sicuramente il miglior Pedrosa di sempre – non sono certo un caso le quattro vittorie conquistate nelle ultime cinque gare e i tredici podi stagionali.

Lorenzo è avvisato, non gli saranno perdonati errori. Al pilota del Team Yamaha basterebbero tre terzi posti (in caso di tre vittorie di Pedrosa) per conservare il primato della classifica ed aggiudicarsi il titolo mondiale. Ma non sarà una passeggiata, come qualcuno potrebbe immaginare. Conterà molto più il fattore psicologico che i numeri, che sono decisamente dalla sua parte: il majorchino non è mai andato oltre il secondo posto nel corso di tutta la stagione (fatta eccezione per il GP di Olanda, dove è stato costretto al ritiro “forzato”).

Insomma, ancora tre gare e il dado sarà tratto. E chissà che questo mondiale non ci riservi sorprese facendoci vivere le ultime curve con il fiato sospeso (come accaduto per la Superbike); soprattutto se sarà un Casey Stoner “a pieno regime” a rompere gli schemi.

Stoner quinto, ma è solo la prima gara dopo l’infortunio

Per lui un quinto posto (complice anche il forfait di Cruthclow, quarto fino a pochi giri dalla fine) che ha un po’ il sapore della delusione. L’australiano, preceduto da un Dovizioso meno brillante del solito, non è partito benissimo. Ha provato a spingere battagliando per un attimo con Bautista ma poi si è arreso.

Per lui ritmi non troppo buoni e gara piuttosto anonima. Ma ci sta. Rientrava da un infortunio piuttosto importante, gli basterà solo un’altro po’ di tempo per ritrovare il passo e offrire spettacolo nelle sue ultime (tre) gare in MotoGP. E chissà, magari per stravolgere e rendere più avvincente la lotta al titolo tra Pedrosa e Lorenzo.

Ducati, ancora un flop

Il secondo posto di Misano è stata un’iniezione di fiducia ed entusiasmo per il team Ducati, per Valentino Rossi e per i suoi supporters. Il flop di Aragon, ha riportato tutti immediatamente con i piedi per terra, lasciando qualche dubbio su ciò che stesse accadendo, vista l’altalena dei risultati.

Ma la prova di Motegi ha fatto più o meno definitivamente chiarezza sulla situazione attuale. Il settimo posto conquistato da Rossi, davanti al suo compagno di squadra Hayden, ha confermato ancora una volta il livello di competitività della Desmosedici. C’è poco da spiegare: il gap tra la Ducati e le prime resta sempre di un secondo.

A quanto pare non è bastato l’impiego di un nuovo forcellone e di un nuovo telaio, che sembravano segnare positivamente l’inizio di un percorso che la Casa di Borgo Panigale continuerà tuttavia a svolgere nel corso dei prossimi mesi. Valentino andrà via: da grande professionista cercherà di fare il massimo di qui alla fine, ma è chiaro che i suoi obiettivi portano già la data 2013.

Sarà invece importante capire in che direzione lavorare in Casa Ducati, in vista di una prossima stagione – che vedrà Hayden e Dovizioso in sella alle Desmosedici – che si preannuncia probabilmente ancor più combattuta di questa, dove sarà ancor più difficile ritagliarsi uno spazio.

I risultati

1 Dani PEDROSA  SPA Repsol Honda Team  42’31.569

2 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing  +4.275

3 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini +6.752

4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 +16.397

5 Casey STONER  AUS Repsol Honda Team  +20.566

6 Stefan BRADL  GER LCR Honda MotoGP  +24.567

7 Valentino ROSSI ITA Ducati Team   +26.072

8 Nicky HAYDEN  USA Ducati Team   +36.724

9 Katsuyuki NAKASUGA JPN Yamaha YSP Racing Team +36.794

10 Hector BARBERA SPA Pramac Racing Team  +1’10.729

11 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing  +1’15.658

12 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar +1’22.769

13 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing +1’24.968

14 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport  +1’29.388

15 Michele PIRRO  ITA San Carlo Honda Gresini +1’34.612

16 Roberto ROLFO  ITA Speed Master   +1’50.853

Classifica Piloti

1 Jorge LORENZO Yamaha SPA 310

2 Dani PEDROSA  Honda  SPA 282

3 Casey STONER  Honda  AUS 197

4 Andrea DOVIZIOSO Yamaha ITA 192

5 Alvaro BAUTISTA Honda  SPA 144

6 Valentino ROSSI Ducati  ITA 137

Classifica costruttori

1  HONDA  337

2 YAMAHA 326

3 DUCATI  161

4 ART  79

5 BQR  31