Archivio

MotoGP 2012 – Andrea Dovizioso andrà in Ducati dal 2013

di Francesco Irace -

MotoGp 2012 Andrea Dovizioso andrà in Ducati. Il pilota forlivese a partire dal 2013 passerà alla scuderia di Borgo Panigale sostituendo Valentino Rossi al fianco di Nicky Hayden.

Ducati ha offerto importanti garanzie

Nulla è ancora ufficiale ma le voci diffuse nelle ultime ore dai più importanti organi di stampa hanno in qualche modo messo fine al balletto di mercato che ha tenuto tutti sulle spine fino a pochi giorni fa.

Non l’avremmo mai detto, eppure è andata così. Il Dovi, che si candidava per un posto in Yamaha nel team ufficiale, si è visto sorpassato dal pilota pesarese e ha virato in direzione Ducati, dove a quanto pare il corteggiamento sarebbe stato forte.

Il team della “rossa” ha infatti offerto diverse garanzie al pilota circa lo sviluppo e la realizzazione di nuove soluzioni finalizzate a rendere la Desmosedici una moto più guidabile e soprattutto competitiva.

Cresce l’attesa per la prossima stagione

A questo punto cresce notevolmente la curiosità di vedere cosa succederà la prossima stagione.

Valentino torna a cavalcare la M1 al fianco di Lorenzo e spera di chiudere nel migliore dei modi – magari con un altro titolo mondiale – la sua carriera in MotoGP; anche se la storia dice che nessun pilota tornato alla vecchia scuderia per rimettersi in gioco è riuscito nell’impresa di finire la stagione sul gradino più alto del podio.

Sarà una scommessa divertente e al di là di come andrà a finire una cosa è certa: la Yamaha sarà una moto che tornerà a far divertire prima di tutto Rossi e quindi anche i suoi fans.

Ma torniamo a Dovizioso. Si è trovato benissimo quest’anno con la M1 del team Tech 3 e d’improvviso – non avendo altra scelta – si troverà a fare i conti con la Desmosedici che ha sorriso solo a Stoner negli ultimi anni. Un’altra scommessa, dunque, anch’essa molto interessante.

Gustosissimo aperitivo, ma la stagione in corso?

Insomma siamo ad agosto e ci è stato già servito un gustosissimo aperitivo di quella che sarà la prossima stagione di MotoGP. Un cocktail invitante, di quelli che però potrebbe farci allontanare troppo dalla attuale realtà: c’è una stagione che volge verso il termine e sebbene non sia da cardiopalma potrebbe ancora riservarci grandi sorprese.