Archivio

Mondiale F1 2014 – GP Russia, Hamilton regala l’iride alla Mercedes

Per la prima volta nella storia una scuderia tedesca conquista il titolo Costruttori

Grazie alla vittoria (la quarta consecutiva) di Lewis Hamilton al GP di Russia la Mercedes ha conquistato con ben tre gare di anticipo il Mondiale F1 2014 Costruttori. Non si tratta solo del primo titolo Marche per la Casa della Stella ma del primo in assoluto per una scuderia tedesca: un evento storico, insomma.

Sul circuito di Sochi – uno dei più brutti della storia del Circus (tante, troppe, curve a 90° e pochi tratti interessanti) – il marchio teutonico ha dominato anche dal punto di vista motoristico con ben cinque monoposto nelle prime cinque posizioni. Era dal GP del Brasile 1981 che un brand (in quel caso la Ford Cosworth) non piazzava cinque vetture dotate dei suoi propulsori in “top 5”. La Ferrari? Non pervenuta o quasi: sesto posto di Fernando Alonso e nono per Kimi Räikkönen.

La gara in cinque punti

1) Lewis Hamilton ha dominato in Russia restando al comando dall’inizio alla fine senza mai dare segni di cedimento. Tutti i piloti che hanno vinto quattro gare consecutive in un anno hanno poi conquistato il Mondiale F1: sarà così anche per il driver britannico?

2) Nico Rosberg ha buttato al vento la propria gara alla prima curva quando ha spiattellato le gomme nel tentativo di superare Hamilton al via. La sua incredibile rimonta (2° al traguardo dopo essersi ritrovato 20° in seguito al cambio gomme) è dovuta alle prestazioni eccezionali della sua Mercedes e alla resistenza degli pneumatici Pirelli (52 giri percorsi con le medie).

3) Podio (il quinto stagionale) e giro veloce (il primo in carriera): Valtteri Bottas non poteva chiedere di più al GP della Russia. Ha provato a tenersi dietro Rosberg ma con una Mercedes così in forma c’è davvero poco da fare.

4) Dopo il quinto posto in Giappone un’altra prova concreta per Jenson Button: quarto in griglia, quarto al traguardo e veloce quanto basta per tenersi dietro il compagno Magnussen ma non abbastanza per puntare al podio.

5) Mercedes über alles: nona doppietta in 16 gare e un titolo Costruttori portato a casa. La certezza che solo uno tra Hamilton e Rosberg conquisterà il Mondiale Piloti arriverà invece, molto probabilmente, fra tre settimane negli USA: per il momento la matematica tiene ancora in corsa Ricciardo.

I risultati del GP di Russia 2014

Prove libere 1

1 Nico Rosberg (Mercedes)  1:42.311
2 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:42.376
3 Jenson Button (McLaren)  1:42.507
4 Fernando Alonso (Ferrari)  1:42.720
5 Kevin Magnussen (McLaren) 1:43.026

Prove libere 2

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:39.630
2 Kevin Magnussen (McLaren) 1:40.494
3 Fernando Alonso (Ferrari)  1:40.504
4 Nico Rosberg (Mercedes)  1:40.542
5 Valtteri Bottas (Williams)  1:40.573

Prove libere 3

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:38.726
2 Nico Rosberg (Mercedes)  1:39.016
3 Valtteri Bottas (Williams)  1:39.097
4 Daniel Ricciardo (Red Bull) 1:39.755
5 Felipe Massa (Williams)  1:39.954

Qualifiche

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1:38.513
2 Nico Rosberg (Mercedes)  1:38.713
3 Valtteri Bottas (Williams)  1:38.920
4 Jenson Button (McLaren)  1:39.121
5 Daniil Kvyat (Toro Rosso)  1:39.277

Gara

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 1h31:50.744
2 Nico Rosberg (Mercedes) + 13,6 sec
3 Valtteri Bottas (Williams)  + 17,4 sec
4 Jenson Button (McLaren) + 30,2 sec
5 Kevin Magnussen (McLaren) + 53,6 sec

Le classifiche dopo il GP di Russia 2014

Classifica Mondiale Piloti

1 Lewis Hamilton (Mercedes) 291 punti
2 Nico Rosberg (Mercedes)  274 punti
3 Daniel Ricciardo (Red Bull) 199 punti
4 Valtteri Bottas (Williams)  145 punti
5 Sebastian Vettel (Red Bull) 143 punti

Classifica Mondiale Costruttori

1 MERCEDES     565 PUNTI (CAMPIONE DEL MONDO)
2 Red Bull-Renault   342 punti
3 Williams-Mercedes   216 punti
4 Ferrari     188 punti
5 McLaren-Mercedes   143 punti

Archivio

F1: Lotus con motori Mercedes dal 2015

Basterà il miglior propulsore del Circus per tornare in alto?

Archivio

Mondiale F1 2014 - GP Russia: gli orari TV

Hamilton cerca il quarto successo consecutivo per consolidare il primato