Archivio

Lotus Evora 410: omaggio a James Bond

Una serie speciale ispirata alla Espirit S1 di "La spia che mi amò"

40 anni fa la Lotus Espirit faceva un grande passo verso ciò che rappresenta oggi, una sportiva mitica. Tra i vari ruoli ricoperti nella sua carriera spicca quello mitico e indimenticabile di auto di James Bond in “La Spia che mi amò”.

Roger Moore era allora l’agente segreto più famoso al servizio di Sua Maestà e conquistava un’irresistibile Barbara Bach, grazie anche al fascino della sua Lotus.

Oggi la marca britannica ha voluto rendere omaggio a quell’attrice secondaria con una Evora Sport 410 speciale, prodotta in serie limitata annuale a 150 esemplari e decorata come la celebre Espirit S1 ricordata per le sue doti subacquee.

Oltre alla livrea evocativa anche gli interni riportano in vita l’iconica versione cinematografica con i rivestimenti in Tartan, rifiniture in Alcantara con cuciture rosse a contrasto e dettagli Anni ’60, come il pomellod el cambio in legno.

La meccanica rimane quella moderna della Evora Sport 410, ovvero il V6 da 3,5 litri, 410 CV e 420 Nm di coppia che le permette di raggiungere i 100 km/h da ferma in 4 secondi netti. Vietato, però, metterla nell’acqua.

Archivio

Lotus, a Ginevra Evora 410 e non solo

Tre novità assolute svelate in occasione della kermesse ginevrina 

Auto Sportive

Legendary cars: Lotus Esprit

Una delle Lotus migliori mai realizzate ha fatto preoccupare Porsche e Ferrari per quasi vent’anni